Archivi tag: fantascienza

Trial: il pluripremiato e innovativo corto Sci-Fi che ha conquistato il web

 

trial

Creato da The Brothers Lynch, il cortometraggio Trial ha riscosso notevole successo non solo per la qualità della produzione, ma anche per un’inquadratura del tutto innovativa. La storia affronta il tema dello transfer della personalità da un corpo all’altro, solo che in questo caso non tutto è ciò che sembra. Sotto troverete due filmati. Il primo è per l’appunto il corto, mentre il secondo spiega com’è stata ottenuta la scena tanto innovativa dello specchio. Buona visione!

The Landing, lo stupendo pluripremiato cortometraggio Sci-Fi

landing

The Landing, cortometraggio realizzato da Perception Picture, è forse una delle realizzazioni indie più sorprendenti degli ultimi anni. Il corto narra la storia di un uomo che torna nella fattoria dove è cresciuto per dissotterrare un segreto che potrebbe cambiare la storia dell’umanità. Intenso, narrato egregiamente, capace di sorprendere e commuovere, si tratta di un cortometraggio completo sotto ogni punto di vista, che qualunque appassionato di fantascienza non può farsi sfuggire. Buona visione!

George Orwell: vita, motivazioni e fantascienza riassunti in uno stupendo video animato

gerogeorwell

Il video che vi mostriamo oggi spiega cosa motivava le opere di George Orwell, sottolineando anche l’importanza che l’autore ha nel contesto odierno. Il video, intitolato semplicemente George Orwell, fa parte di una serie pubblicata su YouTube da The School of Life che illustra la vita di autori come Franz Kafka, Albert Camus, Leo Tolstoy e molti altri. La narrazione è dell’autore Alain de Botton. Buona visione!

Recensione a Nella luce, di Francesca Fichera, Premio Short Kipple 2015

Su Karalafayette è uscita una bella recensione a Nella luce, il racconto vincitore del Premio Short Kipple 2015, scritto dalla brava Francesca Fichera. Un estratto dalla rece:

Nella Luce è un racconto di fantascienza scritto da Francesca Fichera, ha vinto il premio Short Kipple 2015 e, se anche non avesse vinto niente, l’importante è non farselo sfuggire. In un quarto d’ora di tempo Francesca ci conduce nello sgretolamento interiore ed esteriore della protagonista. L’apocalisse ha il rumore delle nuvole che cadono dal cielo, nuvole che vanno e vengono, se raggiungono il suolo diventano nebbia e non è possibile vedere più nulla. Solo l’ignoto, privo di colori. Puoi affidarti al tatto, sentire la mano delle persone care che, insieme a te, cercano di raggiungere il luogo migliore per sparire. Sì, perché con le nuvole è precipitata anche la realtà, che possiamo continuamente negare e combattere, fingendo che non esista, ma a un certo punto non ci rimane che farcene una ragione. Non è una resa, ma un modo dignitoso di accettare le cose. Non fa meno male, anzi, il dolore è insopportabile. Ma, se dovesse finire il mondo, lottereste nel buio contro i mulini a vento? Non preferireste annusare l’odore del mare o sentire il rumore delle onde che si infrangono?

Le nuvole che precipitano sulla terra, esauste, non sembra l’inizio di qualcosa di terribile, piuttosto l’inesorabile conseguenza di uno sfacelo preesistente. La protagonista cerca le persone che ama prima della pioggia di nuvole, l’orrore c’era prima, c’è ora e sta per finire.

Nessuno potrà dire che almeno non ci abbiamo provato, dice Dan Miller nella scena finale di The Mist (film tratto dall’omonimo racconto di Stephen King). Questo avviene anche per i personaggi di Francesca. Ci hanno provato, è ora di andare.

Un racconto breve, intenso, doloroso e scritto davvero benissimo. Non sappiamo cosa sia davvero accaduto al mondo, a queste persone, non possiamo essere nemmeno certi di come sia andata a finire. Quello che so è che in una manciata di minuti ho sentito una morsa allo stomaco. E per sortire questo effetto, con un racconto così breve, bisogna essere brave. Bisogna saper scrivere.

La copertina, secondo me molto azzeccata, è opera dell’illustratrice Ksenja Laginja.

Dal post di presentazione dell’opera:

Sinossi

Gli eventi catastrofici, spesso e volentieri, innescano forti sentimenti di vicinanza e quando un evento atmosferico si abbatte con violenza sull’esistenza della protagonista, ci si trova a riflettere sul senso di ogni cosa e desiderare accanto coloro che, più di tutti, hanno resistito alla tempesta. Cosa accadrà al passaggio del fortunale? Una vita, le sue moltitudini di incontri e un percorso dal retrogusto amaro, immerso nella profondità del sogno, ci accompagnerà in questo viaggio “nella luce”.

Francesca Fichera | Nella luce
Copertina di Ksenja Laginja

Kipple Officina Libraria
Collana Capsule — Formato ePub e Mobi — Pag. 13 – € 0.95 — ISBN 978-88-98953-30-1

Link

Il muro di Trump diventa fantascienza: M.A.M.O.N., il divertente corto satirico con 3 milioni di visualizzazioni

 

m-a-m-o-n

M.A.M.O.N. (Monitor Against Mexicans Over Nationwide) – Latinos VS. Donald Trump è un cortometraggio satirico che prende di mira la politica del tycoon, recentemente eletto dal popolo americano alla presidenza degli Stati Uniti, che vorrebbe ereggere un muro al confine col Messico per contrastare l’immigrazione illegale. La qualità degli effetti speciali è notevole, così come la cifra immaginifica, e per questo può forse essere apprezzato da chiunque, qualunque sia il proprio pensiero politico. Rappresenta inoltre un ottimo esempio di come la fantascienza possa svolgere, con risultati notevoli, la funzione di commento sociale. Buona visione!

Voyager: il brevissimo ma spettacolare corto Sci-Fi che ha conquistato il web

voyager-short

Sono passati secoli dal lancio delle sonde Voyager 1 e 2. Invece che approdare su un pianeta alieno, una delle sonde è tornata a casa sulla Terra. Un pianeta Terra ormai desolato, abitato solo da una ragazzina metà umana metà robot. Questa è la trama dello spettacolare cortometraggio Voyager, realizzato da Loïc Magar & Roman Veiga, che vi mostriamo oggi. Buona visione!  

Barack Obama svela la lista dei suoi film Sci-Fi preferiti

bo

Nell’edizione di novembre, Wired Magazine ha sorpreso i suoi lettori con un articolo inaspettato: la lista dei film di fantascienza preferiti del 44º presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. La lista include molti dei classici che hanno fatto la storia del genere al cinema: da 2001: Odissea nello Spazio a Matrix. Segue la lista completa:

1. “2001: A Space Odyssey.”

2. “Blade Runner”

3. “Close Encounters of the Third Kind.”

4. “Star Wars.”

5. “Star Trek.”

6. “The Martian.”

7. “The Matrix.”

8. “Cosmos.”