Archivi categoria: poesia

Recensione ad Adyton, di Diana Maat – Su Finziʘni

Sul blog Finziʘni è apparsa una recensione ad Adyton, la silloge di Diana Maat edita da KippleOfficinaLibraria. Ci piace notare come nella critica sia stata colta l’essenza dell’autrice, ecco parte della recensione:

Diana Maat in questi suoi versi misterici ci invita ad intraprendere un viaggio, un viaggio segreto e a tratti destabilizzante. Quella che si snoda tra le diverse sezioni è una poesia della natura, una poesia magica abitata da dei, animali, erbe e piante. Spunta un «bucaneve tra le torri», «palme», ortiche, la rosa canina, il basilico, il timo, le more, i mirti; bestie selvagge, cigni, lepri, vipere… serpenti guardiani della saggezza, custodi del sapere, abitanti del ventre della Madre Terra.

È «Eden» e poi «Inferno»,  serafini ed «angeli obliqui», polpastrelli e sangue e riti magici. È una poesia selvaggia e pacificante allo stesso tempo, detentrice di verità e di misteri, una poesia terrificante e rassicurante. I versi della Sacerdotessa contengono l’«eco notturno», il canto, il silenzio, promesse e sacrifici, la morte e la rinascita. Decifrare è inutile, bisogna leggere, sedersi nel cerchio, partecipare al cosmo, sentire scorrere la musicalità dei versi, accogliere le parole semplici eppure potenti. Io ho fatto così. Ho permesso a Diana Maat di essermi da guida nel viaggio sapiente, e sto ancora camminando nella Natura.

Nella parte finale della recensione compare un’intervista all’autrice.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Diana Maat, Adyton
Kipple Officina Libraria

Collana Versi Guasti – Pag. 68 – 9.99€
Formato Cartaceo – ISBN 978-88-98953-45-5

Collana Versi Guasti – Pag. 37 – 0.95€
Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-39-4

Link

ALESSANDRO MANZETTI… E I BRAM STOKER AWARDS « La zona morta

Su LaZonaMorta una bella intervista ad Alessandro Manzetti, editor di collana k_noir per la Kipple e autore, anche per Kipple, nonché fresco vincitore allo Stoker Award di quest’anno dove

Alessandro Manzetti con la sua editor Jodi Renée Lester

ha primeggiato tra le poesie dark (in sostanza, l’Oscar dell’Horror mondiale). Onore quindi ad Alessandro, che ha subito ripreso a lavorare per raggiungere nuovi obiettivi, come se quelli che ha ottenuto siano cose da nulla; intanto, qui sotto uno stralcio della bella chiacchierata:

Scrittore, saggista, curatore di antologie, editore, fondatore della sezione italiana della “Horror Writers Association”… ma quante cose riesce a fare Alessandro Manzetti? Talmente tante che, fra una cosa e l’altra, riesce anche a vincere un “Bram Stoker Award”. Non ci credete? Beh, guarda caso ce l’abbiamo proprio qui con noi per farci raccontare come è andata.

CIAO ALESSANDRO E BEN RITROVATO SULLE PAGINE DELLA ZONA MORTA. L’ULTIMA VOLTA CHE CI SIAMO SENTITI STAVI PER AFFRONTARE LE FINALI DEI “BRAM STOKER AWARDS” DELLO SCORSO ANNO. COSA E’ SUCCESSO DA ALLORA?

È sempre un piacere farti visita da queste parti. Dunque, da allora sono accadute diverse cose, lo scorso anno ho partecipato alla “World Horror Convention” ad Atlanta, come finalista dei “Bram Stoker Awards”, e ho avuto modo di incontrare moltissimi autori e amici, mettere in piedi nuovi progetti e collaborazioni, e vivere la magica atmosfera della cerimonia dei “Bram Stoker Awards”, nella quale mi hanno coinvolto per presentare e premiare la categoria “Short Fiction”. Dopo il ritorno in Italia, ho continuato a lavorare a diversi progetti e pubblicazioni, sia in lingua italiana che inglese, che non sto a elencarti. A distanza di un anno, sono appena rientrato da Las Vegas, dallo “StokerCon”, la convention annuale organizzata dalla “Horror Writers Association” dove insieme a Paolo Di Orazio ho presentato un nuovo libro in lingua inglese ‘The Monster, the Bad and the Ugly”, ho tenuto un panel dedicato al mercato internazionale e ho di nuovo partecipato come finalista ai “Bram Stoker Awards”, per la seconda volta consecutiva, ma stavolta portando a casa un risultato a dir poco eccezionale.

Kipple Officina Libraria al Poetry Slam di Trieste

Sabato 16 aprile KippleOfficinaLibraria sarà protagonista al Poetry Slam che si svolgerà a Trieste il 15 e 16. L’evento in particolare che ci riguarda sarà alle 17.00 presso il Caffè San Marco in Via Battisti, 18; eccolo:

VERSI GUASTI, presentazione della collana della Casa Editrice Kipple Officina Libraria di Torriglia (GE), http://www.kipple.it/. Con Alex Tonelli, curatore della collana, ed Ettore Fobo, che racconterà al pubblico il viaggio poetico compiuto in Diario di Casoli, leggendo alcuni estratti dal poema.
La Kipple Officina Libraria è un’associazione culturale senza scopo di lucro attiva dal 1995 e dedicata alla pubblicazione di narrativa di genere. Negli ultimi anni si è specializzata nella pubblicazione di E-Book e a dicembre 2010 è stata la prima casa editrice in Italia a vendere più E-Book che libri cartacei.

L’evento è stato sponsorizzato da LIPS-Lega Italiana Poetry Slam, qui la pagina FaceBook. Ci vediamo lì?

Esce Ceneri postatomiche, di Christian Humouda

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare, nella collana VersiGuasti, “Ceneri postatomiche” di Christian Humouda, un viaggio in cui l’Autore vive e racconta il mondo nuovo che si è creato a seguito dell’evento innominato e necessario, dove vi è un tema che ricorre in modo incessante, coverun topos narrativo su cui soffermarci. Si tratta della lingua sconosciuta che il poeta incontra nel mondo che va vivendo.

Non deve apparire strano se il mondo che circonda il poeta è ontologicamente diverso da quello che ha lasciato anche il linguaggio, che in fondo è creatore di ciò che esiste, che deve essere diverso. Un linguaggio incomprensibile che descrive una realtà che appare così aliena da annientare ogni abitudine, intrecciare disordinatamente i colori e sbarazzarsi di ogni legge fisica precedentemente conosciuta.
E in questo mondo alieno, ma così presente nella narrazione poetica, incrociamo rassegnazione, nuove strane forme di felicità, tensione alla morte e lunghi cammini. Sprazzi di vite che muovono in luoghi terribili di disabitata inumanità in cui la pelle non serve più ai muscoli.

La quarta

Benvenuti nell’Universo post atomico! Benvenuti nell’Oltre in cui ogni cosa non ha significato alcuno, in cui il dolore è caratteristica ontologica dell’esistenza, del reale e dove tutto si maschera di delirante surrealismo.
Siamo aldilà delle poetiche ciniche di un Houellebecq, della disillusione alla Cioran, e persino oltre la rassegnata accettazione del “Caligola” di Camus.
Siamo stati eruttati oltre il vortice più basso del buco nero, in un mondo che non riconosciamo, non comprendiamo.
Non conosciamo ancora, sembra dirci il poeta. Il mondo è lì e lui non fa altro che viverlo. Non c’è nessun intento epistemologico in quello che Humouda fa, nessuna intenzione antropologica o semplicemente etnografica. Il poeta non è viaggiatore ottocentesco avido di scoperte nuove, di avventure mirabolanti in mondi esotici e lontani; esploratore che però sa che ciò che l’attende sarà sempre un tè delle cinque in un salotto elegante e vittoriano.

L’autore

Christian Humouda, nato a Genova nel 1981 e laureatosi in Comunicazione a Savona, si specializza in giornalismo a indirizzo politico presso l’Università di Genova. Divide i suoi campi d’interesse tra: arte, poesia, cinema, recensioni e scrittura. Dal 2013 è vice capo redattore di Words Social Forum. Ha partecipato a vari concorsi poetici e scientifici e pubblicato per diverse riviste online tra cui Bibbia d’asfalto, Nova Rivista d’arte e per la Fondazione di Palazzo Ducale. Nel 2014 il suo articolo “Icastica raccontata da un viaggiatore”, mostra internazionale promossa dalla città di Arezzo,  è stato condiviso su diverse testate giornalistiche.
È finalista al 9° festival Internazionale di poesia “La città dei poeti” di Genova e vincitore del premio Fondazione Prof. Michele Erede con un saggio dal titolo “La politica nell’era di internet. Vantaggi e pericoli”, pubblicata per Ecig.
Ceneri postatomiche” è la sua prima silloge poetica.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Christian Humouda, Ceneri postatomiche

Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 68 – 0.95€
Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-49-3

Link

Esce la versione cartacea di Adyton, silloge di Diana Maat, vincitrice del Premio Ossi di Seppia

È disponibile su Amazon la versione cartacea di Adyton, la silloge di Diana Maat che contiene, in questa sola versione analogica, i componimenti vincitori del Premio Nazionale “Ossi di Seppia” (2016); parliamo di “Nozze” e “Oro per la vipera”.

Diana Maat è Sacerdotessa del Culto. E compito della sacerdotessa del culto misterico è iniziare il fedele lungo una stretta, complessa, strada di conoscenza. Una mistica che si origina dalla comunione di una emozionalità indotta tramite le immagini evocate, dipinte sulla tavola della poesia. Diana rimanda alla mente la dea delle selve, i culti lunari e segreti delle streghe, i misteri indecifrabili della natura. Maat è la dea egizia che rappresenta l’ordine cosmico ed è connessa alla prova della pesatura del cuore. Gli antichi egizi credevano che al momento della morte i cuori dei defunti fossero soppesati nella “Sala delle due Maat”, su una bilancia custodita dal dio Anubi. Uno dei piatti ospitava il cuore del defunto, l’altro la piuma di Maat. Se il cuore pesava più di questa, veniva divorato da Ammit e il suo possessore restava negli inferi. In caso contrario, veniva trasportato da Osiride nell’Aaru. L’autrice vive sul golfo di Napoli e Diana Maat è il suo pseudonimo.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Diana Maat, Adyton
Kipple Officina Libraria
Collana Versi Guasti – Pag. 68 – 9.99€
Formato Cartaceo – ISBN 978-88-98953-45-5

Collana Versi Guasti – Pag. 37 – 0.95€
Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-39-4

Link

News dalle Nominations dello Stoker 2015

Sono state rese note le Nominations del Bram Stoker Award 2015, dal sito ufficiale; per quanto riguarda Kipple e il suo entourage abbiamo splendide notizie che possiamo sintetizzare così:

Alessandro Manzetti va in finale per la raccolta di poesie ‘Eden Underground’ (Crystal Lake Publishing).

Inoltre segnaliamo che nelle Nominations ci sono altri grossi calibri già presenti o di imminente presenza tra i nostri cataloghi: Gene O’Neill (con Independent Legions, altra cura dell’eccellente Manzetti) e Lisa Mannetti; al nostro autore e curatore di collana k_noir vanno le felicitazioni di tutta la redazione, la quale si stringe con gioia ad Alessandro per continuare la corsa al prestigioso award mondiale. L’appuntamento ora è per il 14 maggio!

Diana Maat vince il Premio Ossi di Seppia

Kipple Officina Libraria è lieta di annunciare che Diana Maat, la poetessa autrice di Adyton, coverha vinto il Premio Ossi di Seppia, il prestigioso concorso che vede in lizza i migliori poemi inediti nazionali.

Questa è la motivazione del Premio:

C’è, fra noi in giuria, chi è stato colpito dalla sapiente leggerezza dei versi di Diana Maat. Chi, invece, ha notato la sua capacità di passare con fulminea naturalezza dall’astrattezza di una parola (per esempio “filosofia”, o “geometria”) a un pensiero, prensile, tattile, pieno di sensi. Chi, ancora, ha trovato interessante il sostrato biblico, sul quale il suo dettato si regge così spesso… Tutti, però, ci siamo trovati d’accordo nel rilevare come le qualità più intriganti della poesia della Maat stiano in versi come questi: “Apprenderò la geometria / del piano ultraterreno, / l’apprenderò in silenzio, / perché sono una bambina.” Si tratta di versi brevi, precisi e senza fronzoli. Versi nei quali il cantabile letterariamente scaltrito non è fine a se stesso, non è pura retorica formale, cioè, ma sa sposarsi con levità di tocco con un orizzonte immaginativo alto e fanciullescamente pieno di urgenza di significato. Non è per niente facile, in poesia, raggiungere credibilmente un tono fiabesco. In questo, soprattutto, sta la vittoria della Maat.

La redazione Kipple si complimenta con l’autrice e ricorda qui sotto la quarta di Adyton, la silloge della Maat presente nel catalogo Kipple:

Il lettore della poesia di Diana Maat si trova catapultato in un mondo inospite, un luogo di cui non vi è apparente significato, uno spazio aperto senza punti di riferimento semantici e logici. Viene colto da un vago capogiro, una sensazione di vortice leggero, costante che si fa via via più intensa sino a un completo spaesamento. Le parole fluiscono, se ne intuisce la forza, la musica, lo scorrere impetuoso. Sono tuttavia parole inafferrabili, impossibile fermarle, trattenerle, raccoglierle.

È un’estraneità che sa quasi di profanazione, come se si fosse partecipi di un evento, di una rappresentazione misteriosamente sacra cui non era tuttavia lecito prendere parte. Un culto che si sta recitando secondo canoni antichi di dimenticate liturgie, suoni che riecheggiano e rimbombano nelle volte di templi segreti in cui il lettore è precipitato, inconsapevole e disorientato.