Archivi tag: Urania

Kipple partecipa alla DeepCon di Fiuggi, venerdì 7 aprile alle 16.30

Su Fantascienza.com il programma della DeepCon di Fiuggi, che si svolgerà da oggi 6 aprile fino a domenica 9. Spiccano ospiti di rilievo, tra i quali Giuseppe Lippi di Urania – per l’elenco completo delle stars leggete poco più sotto. Per quanto riguarda, invece, gli splendidi panel programmati dall’organizzazione, vi segnaliamo quello di pertinenza Kipple e Delos dove venerdì 7 aprile alle 16.30, Emanuela Valentini e parte della redazione Kipple – Ksenja Laginja e Sandro Battisti – illustrano l’antologia Hai trovato orgasmi nel collettore quantico?, Il paradigma imperiale di Battisti e Angeli di plastica, il romanzo della Valentini edito da DelosDigital. Un grazie di cuore agli organizzatori, Flora Staglianò e Salvatore Proietti.

Da segnalare anche la premiazione dell’ormai consolidato e prestigioso Premio Cassiopea, sabato sera alle 22.00; ci vediamo lì, quindi?

Where everybody knows your name, and they’re always glad you came, viene dalla sigla delle serie Cheers il motto della Deepcon, una delle convention italiane dal clima più «amichevole». Quattro giorni a rilassarsi (volendo anche nelle vasche termali dell’hotel), mangiare e parlare di fantascienza all’Hotel Ambasciatori di Fiuggi. Gli ospiti di quest’anno includono l’attore Peter Williams (Stargate SG-1), lo scrittore Lavie Tidhar, il curatore di Urania Giuseppe Lippi, Eric Stillwell, produttore per la Disney, l’ormai abituale presenza di Lolita Fatjo, il geologo veterano del polo sud Giampietro Casasanta e il fisico Marco Casolino.

Kipple intervista Franco Brambilla: il rapporto indissolubile fra arte e fantascienza

Ciao Franco. Benvenuto sul blog di Kipple Officina Libraria. È un onore averti qui. La stragrande maggioranza dei nostri lettori sapranno già chi sei. Ma per chi non lo sapesse ancora ti andrebbe di raccontarci un po’ qual è stato il tuo percorso professionale? 

Ciao, grazie a voi per l’intervista è un onore anche per me partecipare a questo blog. Il mio percorso professionale dopo aver frequentato l’Istituto Europeo di Design comincia in uno studio di consulenza editoriale milanese che aveva appena comprate i suoi primi Mac e cercava giovani che ci si dedicassero, correva l’anno 1992/93. Con loro ho disegnato soprattutto per l’editoria scolastica ma è stato molto importante perché dover realizzare tanti disegni in poco tempo mi ha fatto imparare a fondo programmi di grafica che utilizzo ancora oggi (ad esempio photoshop). Purtroppo (o per fortuna) il lavoro era stagionale e alternava momenti di intenso lavoro a mesi di totale libertà (disoccupazione). In pochi anni riuscii a comprarmi il mio primo computer professionale e cominciai a cercare lavori da libero professionista. La shake edizioni mi chiamò per realizzare la copertina del numero 11 della loro rivista “decoder”, numero dedicato a Ballard per cui rappresentai un sommergibile nucleare a zonzo per le vie di una New York allagata. Per loro realizzai poi altre copertine di romanzi scifi e un art di Mondadori notò i miei lavori e mi commissionò prima copertine per ragazzi e poi cover per romanzi vari: strade blu, oscar. Era l’inizio di una collaborazione che dura ancora oggi anche se come freelance mi capita di lavorare con altre case editrici italiane ed estere di quando in quando.

Fin dai suoi inizi, la narrativa di fantascienza – forse anche per via dell’ampio spazio che dà all’immaginazione – si è sempre fatta accompagnare da illustrazioni spesso affascinanti e coinvolgenti. Penso ad esempio alle illustrazioni che arricchivano i romanzi di Jules Verne oppure a quelle che abbellivano le riviste pulp. Com’è cambiato secondo te il rapporto fra illustrazioni e narrativa di genere negli anni?

Forse non è cambiato nel profondo… deve sempre attirare, incuriosire e catturare il lettore senza svelare troppo. Che sia acquerello, collage o computer poco importa.

Le immagini in un’opera d’arte seguono delle regole di composizione. Si potrebbe dire che l’arte visiva ha una propria “grammatica”. Secondo te le parole possono ottenere lo stesso risultato delle immagini oppure sono due forme espressive così diverse da non poter essere ritenute equivalenti?

Sono forme espressive diverse ma che in alcuni ambiti interagiscono magnificamente, penso al fumetto ma anche all’equilibrio che deve esserci tra testo ed immagine in poster, copertine e video. Insieme potenziano il messaggio, un mezzo ha bisogno dell’altro.

Kurt Caesar, uno degli illustratori che ha maggiormente influenzato il panorama del fantastico specialmente in Italia, ha saputo con i suoi disegni rappresentare in modo eccellente il sense of wonder della fantascienza durante la transizione dalla golden age a una SF più sociologica. Karel Thole era d’altro canto molto più cupo, riflessivo e “inquietante”. Quali sono i temi principali che caratterizzano invece i tuoi lavori?

Realismo, drammaticità ma anche ironia… questi sono gli elementi che mi piace “usare” quando costruisco un’immagine.

Ammirando le tue opere, anche quelle esposte nel tuo sito, si può avvertire un ritorno al sense of wonder che forse si era un po’ perso. Ma ci sono anche degli elementi molto originali, come le cartoline invase dai personaggi dei film. L’arte può essere ritenuta specchio della società in cui viviamo, un po’ forse anche commento sociale. Cosa credi che rispecchino queste contaminazioni nelle tue opere?

“Invading the vintage” è un progetto artistico che ho iniziato nel 2007 e che ancora prosegue. Nel tempo mi sono accorto di non essere l’unico a creare questi “corto circuiti” ma che esiste un vero e proprio movimento artistico denominato geek-art molto attivo. Penso che la mia generazione cresciuta passivamente davanti alla tv, ai fumetti e ai videogame senta il bisogno di esprimere il proprio punto di vista, di commentare, di personalizzare e rielaborare la gran massa di informazioni con cui è stata bombardata fin da piccola… forse è una strana forma di “maturità nerd”. Sicuramente queste re interpretazioni e parodie sono molto apprezzate. In Francia, Inghilterra, Germania e Stati Uniti ho molti fan e collezionisti. Fondamentalmente ho iniziato “Invading the vintage” perché volevo appendermi in casa qualcosa che mi piacesse, che mi rappresentasse (e che potessi permettermi)… naturalmente per aver l’effetto migliore bisogna incorniciare le invasioni con cornici usate, trovate ai mercatini o nella soffitta della nonna. Provare per credere!

Spesso la narrativa di genere – e in particolar modo la fantascienza – ha sofferto il pregiudizio dei critici che la ritengono letteratura di serie B. Lo stesso pregiudizio esiste anche nei confronti delle illustrazioni di fantascienza (e gli artisti che le creano)?

In Italia senza dubbio sì, qui i cartoni animati, i fumetti, le serie tv, i libri di genere sono marchiati con il timbro della “sottocultura”… ma se il fumetto glielo chiami “graphic novel” allora anche il critico intellettualoide più sofisticato lo vorrà leggere. Gli artisti che creano queste immagini se ne sbattono di questi pregiudizi, io sicuramente… mi fan solo sorridere.

Uno dei tuoi progetti è una raccolta di immagini molto interessante. Ti andrebbe di parlarci un po’ dei tuoi progetti e anche della collaborazione che stai portando avanti con Dario Tonani?

Ho conosciuto Dario quando mi sono occupato delle copertine per i suoi romanzi che uscirono su Urania. Mi piace molto come scrive e con il tempo siamo diventati amici. Un giorno dopo aver letto Cardanic gli ho mandato un mio disegno di come mi ero immaginato la nave a ruote Robredo e il mondo fantastico in cui si muove: Mondo9. A lui son piaciuti molto e quindi nel tempo libero ho iniziato a costruire nuovi scenari e mezzi descritti nei suoi racconti. In Italia non si vedono spesso ma esistono dei libri che raccolgono illustrazioni, visualizzazioni e progetti che sono stati sviluppati durante o prima della lavorazione di film… io li colleziono e spesso sono meglio del film stesso. Così è nato “The Art of Mondo9” che raccoglie le decine di illustrazioni ispirate alla saga creata da Dario commentate da brani estrapolati dai vari racconti. Oggi esiste la possibilità di autoprodursi piccoli libri e portfolio senza “svenarsi” anzi in alcuni casi si può caricare in rete il progetto e stamparlo solo su richiesta. Io, per esempio, ho cominciato a raccogliere le immagini fatte in tanti anni per le varie collane mondadoriane in una serie di volumetti che ho chiamato “I Mondi nel cerchio”, ho raccolto le cartoline invase da personaggi e astronavi di film di fantascienza in un volumetto che ho chiamato “Lets go back to the classics”. Chi fosse interessato trova questi progetti sul mio sito e può scrivermi senza impegno. Quando mi capita di essere invitato a convention o fiere del fumetto ne porto sempre qualche copia.

Grazie mille, Franco, per l’intervista! Ti facciamo un grosso in bocca al lupo e speriamo di riaverti!

Ancora 1000 grazie a voi e “crepi il lupo”!!!

Le altre interviste di Kipple:

Scrittori di fantascienza italiani anni Cinquanta: una specie rara

Il 19 luglio del 1990, 23 anni fa, moriva Franco Enna, uno dei pochissimi autori di fantascienza pubblicato da Urania negli anni 50 (altri sono Emilio Walesko e L. R. Johannis). Il suo vero nome era Franco Cannarozzo, ma era nato ad Enna. Su Urania esce con L’astro lebbroso sul numero 73, poi con Panico al Polo e Noi mostri.
Franco Enna rimane più celebre per i numerosi gialli, ed è considerato il precursore del giallo di provincia, ambientato nel paesaggio e nelle città siciliane, precedendo Leonardo Sciascia e Andrea Camilleri.
Lo vogliamo ricordare come pretesto per polemizzare sul comportamento editoriale di Urania e in generale dell’editoria italiana nei confronti della fantascienza almeno fino agli anni 70 (con le dovute eccezioni, che non fanno che confermare la regola, fatti i conti con le tirature), ovvero una netta sudditanza anglosassone e non solo (su Urania negli anni Cinquanta uscivano sovente autori francesi), che ha sicuramente deteriorato lo scenario italiano del genere, che si trova oggi ad avere rari progenitori e riferimenti italiani. Vero che la science-fiction si sviluppa più compiutamente con i pulp magazine statunitensi, ma la letteratura scritta in lingua italiana dovrebbe avere sempre riferimenti italiani e non solo “traduzioni”.

Premio Urania 2011 e Premio Kipple 2012 in edicola

Come ci ricorda Fantascienza.com, è uscito in edicola il Premio Urania 2011, I senza tempo di Alessandro Forlani.
La particolarità di questo romanzo è che, come dicevamo mesi fa, ha vinto anche il Premio Kipple 2012, per cui quest’opera e quest’autore rappresentano, ci sembra, un’anomalia unica nel panorama letterario italiano.
Chi sono il dottor commercialista Totali, l’avvocato fallimentare Pantocrati, il notaio Maggioritariis? E soprattutto, chi è Monostatos il risvegliato? (Questi nomi, presi a prestito nel 2012, nascondono attività mostruose.) Chi ha assassinato i bambini di una scuola elementare di provincia, divorandoli? (Le indagini sono tuttora in corso.) Cosa vogliono gli Archiburoboti, invasori meccanici già in marcia nel 2024? L’intempestiva risposta arriverà nella spaventosa Italia che ci aspetta nel 2036, in un romanzo di magistrali nefandezze e originalità assoluta, vincitore del premio indetto annualmente da Urania.

Si è spento un pezzo di Urania

Si è spento all’età di 85 anni Carlo Fruttero, che per molti anni (dal 1952) ha fatto coppia con Franco Lucentini ottenendo un grande successo di critica e di vendite grazie ai romanzi, soprattutto polizieschi, molto amati dal pubblico.
Ha diretto Urania, dapprima da solo e poi con Lucentini, dal 1961 al 1986 con il merito di aver fatto conoscere autori come Ballard,
Lafferty e Mack Reynolds. Sono gli autori del motto “un disco volante non atterra a Lucca”, provocazione per cui la fantascienza con ambientazione italica è poco credibile.
Di contro, questo motto ha stimolato gli autori italiani ad creare una via italiana alla fantascienza, dove non solo l’ambientazione, ma anche i personaggi, i temi e gli stilemi utilizzati si staccano definitivamente dalla tradizione anglosassone.
Nel 2010 gli viene assegnato il Premio Campiello alla carriera.
(Per una storia dei Personaggi della Fantascienza Italiana dal 1952 al 2000.
Vi consigliamo questo doppio libello della Kipple (volume 1 e volume 2), completo e con rarissimi precedenti.