Archivi tag: segnalazioni

Alessandro Manzetti direttore della collana k_noir e Foreign Rights Manager

La Kipple Officina Libraria è orgogliosa e fiera di affidare la direzione della vulcanica e cruda collana k_noir ad Alessandro Manzetti, affermato autore di scenari cross-over che già manzetticollaborava fattivamente e con grande lena all’etichetta. Altresì, Alessandro ricoprirà da oggi in poi la carica di Foreign Rights Manager, per le sue capacità già espresse nel mondo editoriale estero, in particolar modo sulla scena culturale degli States.

La redazione esprime soddisfazione e gioia per questo nuovo ingresso ufficiale nella line-up editoriale e augura ad Alessandro di raggiungere i grandiosi traguardi prefissi, certa del loro raggiungimento. Lo sguardo è rivolto verso l’espansione dei nostri memi; benvenuto Alessandro!

Bando del Premio Kipple 2016

Kipple Officina Libraria bandisce per l’anno 2016 la IX edizione del Premio Kipple per il miglior romanzo di genere fantastico.

tumblr_mchjenUZFJ1qe1g2bo1_1280REGOLAMENTO | PREMIO KIPPLE 2016

1) Sono ammesse solo le opere in lingua italiana inedite, mai pubblicate su carta, neppure parzialmente. I romanzi devono avere la lunghezza minima di 100 cartelle dattiloscritte e massima di 400 cartelle (per cartella s’intende, all’incirca, una pagina da 60 battute di 30 righe, cioè 1800 caratteri spazi inclusi).

2) Il contenuto deve essere SOLO ed ESCLUSIVAMENTE fantastico. Non saranno ammesse opere di fantasy o urban fantasy.

GENERI LETTERARI AMMESSI:
– Fantascienza (hard science-fiction, post-cyberpunk, steampunk)
– Narrativa di anticipazione
– Neo-noir (thriller e new weird)
– Horror

Testi di qualsiasi altra natura NON verranno presi in considerazione.

3) È possibile partecipare con più opere.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
La quota di partecipazione è di 15 € per ogni racconto, da accreditare entro il 31 marzo 2016
su:

I) conto corrente postale n° 43103274 con causale “Premio Kipple 2016”

II) tramite bonifico con le coordinate bancarie:
IBAN IT95W 07601 01600 000043103274 intestato a Gianluca Cremoni
con causale “Premio Kipple 2016”

III) tramite pagamento paypal: kol@kipple.it

SCADENZA
La scadenza è fissata per il
31 marzo 2016 (compreso).

4) I racconti devono essere spediti in allegato all’indirizzo: kol@kipple.it
indicando nell’oggetto dell’e-mail “Premio Kipple 2016”.

Nel corpo della mail dovrà essere presente: il Titolo (o i titoli) dell’opera, l’Autore e la dicitura: “dichiaro che l’opera allegata non deriva da plagio e di essere in possesso di tutti i diritti ad esso connessi; ai sensi del d.lgs. 30 giugno 2003 n.196”, “acconsento al trattamento dei dati personali da me forniti”.

In allegato dovrà esserci il testo salvato come “titolo opera” di “nome autore” (con nome dell’autore, il titolo dell’opera e un indirizzo email sul frontespizio della prima pagina) e deve essere presentato SOLO in formato elettronico .doc, .rtf, .odt o .docx e, sempre in allegato, la ricevuta del pagamento.

5) Il vincitore del Premio avrà diritto alla pubblicazione del romanzo in formato CARTACEO distribuito su Amazon in opzione “ondemand” e sulle librerie online, e in versione DIGITALE su tutti i portali online quali Kobobooks, IBS, Mediaworld, Unilibro, LaFeltrinelli, Biblet, Bol, Bookrepublic, ecc., su Amazon IT, US, UK, DE, FR, ES, JP, CA, IN, MX, e AppleStore (iTunes).

L’autore riceverà un regolare contratto editoriale entro la fine del 2016.

Riepilogo:
Lunghezza: min 100 max 400 cartelle
Scadenza: 31 marzo 2016
Invio a: kol@kipple.it in formato .doc, .rtf, .odt o docx.
Quota di partecipazione: 15 € ogni romanzo

Kipple presente alla manifestazione AmArte

Nell’ambito della manifestazione AmArte, che si svolgerà a Roma il 25 e 26 ottobre 2014 presso la sala consiliare del V Municipio in via G. Perlasca, 39, Roma, dove non solo si farà il punto sul passato, ma si cercherà di ridefinire il futuro, dando voce alle istanze che nascono dalla strade e dai presunti non luoghi e presentando proposte per rendere le periferie incubatori di creatività diffusa, potrete ascoltare il mio intervento – dalle 14 fino alle 18, insieme ad altri dibattiti editoriali e culturali – che verterà sulla presentazione e sulle novità del mondo Kipple Officina Libraria.

Ci vediamo lì?

Articolo di Europa SF sul Connettivismo

Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni De Matteo su Europa Sf (Scifiportal.eu) sul Connettivismo.
Ecco l’inizio:
“Not for Connectivists Guide to the Galaxy (I).
Next-Fest is the name Sandro Battisti, Gabriele Calarco and myself have chosen, not without a certain ambition to break with our past conventions, for the first “connectivist” (connettivista) gathering hosted in our Capital.
The “connectivists” arise primarily as authors: they are writers, poets, artists, sometimes filmmakers, strong of their experience on the network. The first form of aggregation has historically been represented by blogging, then came the movement, conceived as a natural extension of the ​​experimentation area found in the immediacy of the Web 2.0: connectivism was born here and can be interpreted in a straightforward way as an incubator. Of ideas, visions, methods and models. It is useless, or rather “sickly”, claiming to want to talk about it without ever having bothered to read even half a story. And it would be better anyway to read stories till the end, because history teaches us that sometimes they can reserve a twist in the end.”

Continua  aleggere su Europa SF.

Tra pochi giorni Trans-Human Express

Per il giorno 22 ottobre 2012 è prevista l’uscita del romanzo “Trans-Human Express” di Lukha B. Kremo, finalista al Premio Urania 2009. Sarà disponibile in ebook e, dopo qualche giorno, in edizione cartacea limitata.
Ecco la copertina in anteprima.

Segnalazioni da Il borghese

In questa sede ci fa piacere segnalare anche le attività collaterali della nostra redazione, come è stato per il lieto evento di ieri, che riguarda Francesco Verso.
Sul prossimo numero 6 de Il borghese compare un articolo-recensione a Ci sono stati dei disordini, il romanzo scritto da Luigi Milani (ufficio stampa Kipple) e ambientato nel G8 di Genova, edito da Delirium in eBook; firma l’articolo Errico Passaro, conoscenza navigata del mondo connettivista, nonché abile giornalista e amico.
La trama del libro prende le mosse dalla scomparsa nel nulla del celebre fotoreporter Luca Olivieri, dopo una violenta lite con la moglie. È proprio la donna, il medico Silvia Mercadante, a tentare il possibile e l’impossibile per rintracciare il compagno – che, come si scopre in seguito, è stato mandato a Genova a realizzare un reportage sul G8 del 2001 – e cercare poi di ricostruire l’accaduto.
Nella prefazione, Antonella Beccaria, giornalista de Il Fatto Quotidiano, scrive con suggestionante partecipazione: «Libera reinterpretazione di una vicenda vissuta o episodio mai accaduto non è importante. L’importante è il racconto della casualità. Di quella casualità che ti fa decidere dall’uno al due, senza riflettere troppo perché non c’è tempo né voglia, che ti fa scegliere a un bivio quale strada inforcare. Destra o sinistra? Verso il mare o verso le alture? Nessuna opzione fornisce un suggerimento, nessun segno è indicatore di un presagio. Scegli e può non accadere niente. Oppure può accadere tutto. Senza possibilità di tornare indietro. E allora si va avanti, nella consapevolezza che a quel punto l’unico fattore determinante diventa non dimenticare. Mai più».
Significativo il fatto, a mio avviso, che a recensire un romanzo di questo tipo sia un un giornale che potrebbe avere altre idee su quegli episodi di più di dieci anni fa, segno positivo del mutare dei tempi che, forse, ci prospettano un futuro meno ancorato a vecchi pregiudizi e concetti.
Nello stesso articolo compare anche una segnalazione a Due mondi, di Francesco Verso (coeditor di Avatar), uscito per la Kipple:
Verso tenta con successo un superamento dei confini tra il genere fantascientifico e il fantasy, quest’ultimo inteso però in una suggestiva accezione «biotecnologica». Il suo racconto è ambientato in un futuro remotissimo, su una Terra molto diversa da quella attuale, dove l’evoluzione umana ha intrapreso percorsi che hanno portato all’avvento di altre razze; ma la presenza misteriosa di una Torre dei Semi riaccende in alcuni individui nuove speranze e il desiderio utopistico di ristabilire gli antichi equilibri ambientali.