Archivi tag: proposte

È in edicola il Premio Urania

il romanzo vincitore del Premio Urania 2009: Lazarus, di Alberto Cola.
Ne dà notizia Fantascienza.com che pubblica la quarta di copertina:

Solo ad alcuni uomini è concesso rinascere dalla morte, ma che accade quando il redivivo è un suicida? Yukio Mishima, il grande scrittore giapponese, è costretto a percorrere di nuovo le strade di una Tokyo diafana e indecifrabile, incarnando un ruolo di simulacro in cui non si riconosce. Intorno a lui si muovono Gabriel, cacciatore ingaggiato dalla multinazionale Hitasura e refrattario a ogni regola; Yasuwara, poliziotto corrotto, e i Mistici, una setta dotata di capacità misteriose. Nella loro fuga attraverso il Giappone, Gabriel e Mishima scopriranno che la resurrezione, come la vendetta, nasconde molto più di un’incognita.

Momento felice questo, per Cola, che pochi mesi prima aveva incamerato anche il Premio Kipple con il romanzo Ultima Pelle, presente sul bookstore della Kipple.it anche in formato eBook. Complimenti ad Alberto, l’augurio è di fare ancora meglio per il prossimo anno.

REFF. Un libro, un catalogo, un nuovo modello di editoria aumentata

[Letto su BooksBlog.it]

Stupirsi dinanzi a un libro è un’esperienza che mi sconvolge. Abituati a considerare il libro come un qualcosa di familiare, non ci rendiamo conto, spesso, delle mille potenzialità di questo insieme di foglie tenuti insieme da un qualche collante. Ho fatto l’esperienza dello stupore avendo tra le mani il Reff Book – RomaEuropa Fake Factory: la reinvenzione del reale attraverso pratiche critiche di remix, mashup, ricontestualizzazione, reenactment.

Definirlo un libro d’arte o un catalogo sarebbe riduttivo perché, come scrive Bruce Sterling nella prefazione:

“Al momento, i comportamenti e le attività che sono oggetto di questo libro sono considerati bizzarri. Molto bizzarri. Essi sono così particolari che è intrinsecamente difficile descriverli, perché vengono dai confini estremi di una network-culture emergente. Potrei scrivere un intero libro su queste idee e queste pratiche, un libro che sarebbe science fiction, architecture fiction, design fiction, un manuale tecnico e anche un manifesto per la network economics. Sarebbe abbastanza simile a questo libro, solo non così divertente.”

In estrema sintesi, REFF raccoglie l’esperienza del RomaEuropa FakeFactory, ricostruendone il percorso grazie alle opere e i contributi di artisti, intellettuali, docenti, giornalisti, giuristi, e attivisti che vi partecipa. Dalla condivisione di un’azione comune a favore della cultura libera e di forme non proprietarie del diritto di autore, gli interventi si confrontano su temi che fanno storcere un po’ il naso a editori e lettori all’antica, quali arte e hacking, attivismo politico e tecnologico, copyright e proprietà intellettuale, modelli open source, reinvenzione del reale.

Interessante e stimolante, poi, l’idea di progettare una nuova editoria possibile:

“Il libro è pienamente integrato con la dimensione digitale attraverso elementi di Realtà Aumentata come Qrcode e Fiducial Marker. Associati alla rete e ai social network globali, questi dispositivi trasformano l’esperienza della lettura in una dimensione interattiva, relazionale, processuale, dalle possibilità completamente inedite. Il software si deposita sulla carta trasformandola in ipertesto, rendendola cliccabile, espandibile, commentabile e reattiva, aprendo uno spazio di confronto virtualmente illimitato tra autori e lettori sui temi e sul dibattito del libro, per dissolvere il confine che li separa.”

Clelia Farris ha vinto il Premio Kipple

[Letto su Fantascienza.com]

La terza edizione del Premio Kipple (anno 2010) è stata assegnata al romanzo La pesatura dell’anima di Clelia Farris. Il libro uscirà prossimamente per la collana Avatar.

La vicenda è ambientata in un Egitto ucronico (o steampunk, anche se non c’è vapore, ma congegni elettronici mescolati alla vita religiosa e contadina dell’epoca), in cui l’avanzamento del deserto causa movimenti ribelli secessionisti (e anche eretici). La storia parte dall’infanticidio e dall’assunzione di colpa di una vecchia (madre della prima moglie del padre del bambino, che ha ucciso per motivi di eredità), che viene giustiziata.

I Sette sono una commissione di esperti in diretta comunicazione con i Giudici (entità defunte). La protagonista Naima vi è appena entrata, ma il caso vuole che il verdetto dei Sette (sull’infanticidio) sia sbagliato perché la vecchia ha sì avvelenato il bambino, ma con un veleno (l’artemisia) che non uccide, e dall’autopsia si scopre che il bambino è stato ucciso da un altro veleno. A causa di ciò i Giudici rompono il patto che c’era con i Sette (una sorta di scambio delle anime per cui, per ogni colpevole giustiziato, viene restituita un’anima ai vivi). Nel corso del romanzo muore anche Menes, un importante personaggio che ha collegamenti con i Movimentisti, ribelli che sono a favore dello spostamento dello Stato egizio a causa della desertificazione.

Nel frattempo è stato pubblicato il bando per l’edizione 2011 del Premio Kipple. Le edizioni precedenti sono state vinte da Biancamaria Massaro con I Signori del Malsem e Alberto Cola con Ultima pelle. Due libri dal forte pathos psicologico, complesso intreccio e buona costruzione dei personaggi. Notevole il fatto che due edizioni su tre siano stati vinte da una donna.

Valutazione testi

SERVIZIO PROFESSIONALE DI VALUTAZIONE TESTI

La Kipple Officina Libraria offre un servizio di lettura e valutazione inediti per opere (romanzi e racconti) che appartengono SOLO ed ESCLUSIVAMENTE alla narrativa di genere. I generi che accettiamo sono:
– fantastico
– narrativa di anticipazione
– horror (esclusi vampiri e lupi mannari in cerca di emuli)
– neo-noir (thriller e new weird)
– fantascienza (hard science-fiction, post-cyberpunk, steampunk, bio-punk)
Testi di qualsiasi altra natura NON verranno presi in considerazione, esulando dai nostri progetti editoriali.

Il servizio prevede la lettura del testo e la stesura di una scheda di valutazione di 3 o 4 cartelle in cui sono evidenziati sia gli elementi di forza che di debolezza del testo, in particolare, si avrà cura di analizzare: – Voce narrante (Funziona? È originale?)
– Tema del romanzo (esiste? è chiaro? è ben svolto?)
– Tenuta narrativa (impianto del testo e ritmo)
– Trama (cliché, coerenza interna, svolte narrative, finale)
– Personaggi (credibilità e verosimiglianza, efficacia e caratterizzazione)
– Stile (cura, ricercatezza, originalità e progettualità)
– Valutazione generale dell’opera in relazione alla sua commerciabilità ed eventuale pubblicazione.

Costi e tempi del servizio:
– Il costo del servizio di una singola scheda di valutazione è di 150 Euro (Iva inclusa) per testi fino a 450.000 battute (spazi inclusi) e di 200 Euro (Iva inclusa) per testi superiori.
– Il pagamento del servizio potrà essere eseguito:
1) Bonifico presso Banca Popolare di Sondrio, IBAN: IT35 B056 9603 2140 0000 3029 X81, intestato a Francesco Verso, causale: “Commissioni”
2) tramite carta PayPal all’indirizzo francescoverso@gmail.com, causale: “Commissioni”
– I tempi di risposta vanno dalle 6 alle 8 settimane dalla ricezione del pagamento.

Modalità di invio:
– Il testo deve prevedere sul frontespizio della prima pagina il nome dell’autore, il titolo dell’opera e un indirizzo email.
– Il testo deve essere invitato SOLO in formato elettronico .doc o .rtf, (crediamo fortemente nel risparmio di carta).
– Il testo deve essere salvato come “Titolo opera” di “nome autore”, inoltre l’impaginazione deve tenere conto dei margini (4 cm per ogni lato pagina)
– I testi devono essere spediti all’indirizzo: francescoverso@gmail.com indicando nel titolo dell’e-mail “Valutazione di (titolo opera), (nome autore)”
– Nel corpo della mail dovrà essere presente la dicitura: “dichiaro di essere a conoscenza del fatto che in nessun caso il materiale inviato mi verrà reso”; “dichiaro che il progetto allegato non deriva da plagio e di essere in possesso di tutti i diritti ad esso connessi; ai sensi del d.lgs. 30 giugno 2003 n.196”, “acconsento al trattamento dei dati personali da me forniti”.

Gli autori e le autrici che verranno considerati meritevoli di attenzione, saranno contattati dalla Redazione di Kipple per una proposta di pubblicazione (NON A PAGAMENTO).