Archivi tag: poesia in ebook

Carlo Bordini e la sua Epidemia, per Kipple Officina Libraria

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare Epidemia, di Carlo Bordini, una nuova avventura poetica – in versione digitale – per la collana VersiGuasti, interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica.

cover(1)L’epidemia che Carlo Bordini racconta nella sua poesia “Epidemia” non è solo un pretesto per indagare ancora più a fondo l’umana natura, ma è soprattutto uno schiaffo al lettore, alla sua indifferenza, alla sua presunzione constante d’innocenza e di non-responsabilità. L’epidemia non è più solo un ricordo di epoche passate, pre-scientifiche e pre-mediche, l’epidemia è qui, nel nostro presente, nelle nostre città, viva e furente.

Ringraziamo Luca Sossella Editore per la gentile concessione di questa poesia, scritta nel 2001 da Carlo Bordini, precedentemente inclusa nella silloge poetica “I costruttori di vulcani”.

L’epidemia come una forma di apocalisse

Partendo dai ritagli di giornale che hanno raccontato l’epidemia della mucca pazza del 2001, Carlo Bordini sostituisce alla parola “capo” (inteso come l’animale da macello) la parola “schiavo”. L’effetto è immediatamente disturbante: “Tutti gli schiavi che si trovavano in un raggio di tre chilometri dai siti ove l’infezione è stata riscontrata, saranno inceneriti. La campagna di abbattimento, cui collaborano le forze armate, ha ricevuto il beneplacito della categoria degli allevatori, che ha espresso il suo sostegno per questi provvedimenti, definiti terribili quanto necessari”.

Non sono più bestie quelle che muoiono a migliaia, ma schiavi. E dunque, con scandalo enorme, esseri umani. Sono persone che qui e ora, in questo presente giornalistico, muoiono uccise da un morbo inaudito. Così viene spazzata via l’indifferenza, la non-cura, la lontananza dal dolore; ciò che resta è un’incredula empatia, una destabilizzante condivisione, un’inaccettabile personificazione. Questo è il destino dell’uomo, sembra dirci Carlo Bordini: la fine.

La quarta

L’epidemia è la forza della natura che più di tutte costringe l’essere umano a interrogarsi sul senso e sul valore della vita. Com’è possibile dare un significato all’esistenza, quando intorno le persone muoiono in un numero così grande da non poter essere contate? Quando non si è altro che il dato statistico di una carneficina senza colpevoli, né colpe? Carlo Bordini si è interrogato e interroga il lettore sul senso della vita, sul suo valore e, come in una reale sanguinaria epidemia, la sola risposta possibile a tutte le mormorate domande è quel vago senso di assurdità impotente, d’inutilità manifesta. Del nulla.

L’autore

Carlo Bordini è nato a Roma, dove vive, nel 1938. Ha insegnato storia moderna presso l’università di Roma “La Sapienza” specializzandosi in storia dell’amore. Ha pubblicato diversi libri di poesie con gli editori Barbablu, Empirìa e Scheiwiller.

Tutte le sue poesie fino al 2010 sono state raccolte nel volume: I costruttori di vulcani – Tutte le poesie 1975-2010, Luca Sossella editore. Ha pubblicato in inglese l’e-book di poesie Gestures, e in tedesco l’e-book Gedichte. Due volumi in francese sono stati pubblicati dall’editore Alidades, e altre poesie sono presenti sul sito Dormirajamais di Olivier Favier.

Ha pubblicato, in prosa: Pezzi di ricambio, Empirìa (racconti e frammenti). Manuale di autodistruzione, Fazi. Gustavo – una malattia mentale (romanzo), Avagliano. Ha curato, con altri, Dal fondo, la poesia dei marginali, Savelli, ristampato da Avagliano; e Renault 4 – Scrittori a Roma prima della morte di Moro, Avagliano.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Carlo Bordini, Epidemia
Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 19 – 0.95
€Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-20-2

Link

Nomination per Venus Intervention all’Elgin Award 2015

Venus Intervention, la pubblicazione di poesie dark in lingua inglese, scritta a quattro mani da Corrine De Winter e Alessandro Manzetti, ha ricevuto una nomination per l’Elgin Award 2015, altro premio istituito dalla Science Fiction Poetry Association che, a differenza del Rhysling Award (più antico come istituzione, dove Venus Intervention e Alessandro Manzetti sono in lizza per il premio finale nella categoria Long Poem) premia l’intera collection e non la singola poesia. Tali nomination si aggiungono al Preliminary Ballot del Premio Bram Stoker, dove Venus concorre nella categoria poetry collection.

Nell’ambito del Premio Elgin Award sono previste due categorie: Chapbooks e Full Lenght Books (dove è stata collocata Venus) che si differenziano per la lunghezza delle opere in ballottaggio. La lista delle nominations (non definitiva, le votazioni sono aperte fino al 15 maggio) si trova sul sito della SFPA: http://sfpoetry.com/el/elgcand.html.
Come per il Rhysling Award, nell’Elgin Award sarà assegnato il 1°, 2° e 3° posto per ogni categoria, a fine anno. E anche stavolta, si tratta della prima nomination italica nella storia del Premio.

Venus Intervention – Book Review

Splendida recensione sul prestigioso hellnotes.com (in lingua inglese) di Venus intervention, opera poetica gotica a quattro mani di Corrine De Winter e Alessandro Manzetti edita da Kipple Officina Libraria. Un estratto della rece:

The poems in Venus Intervention dance and weave along the borderland between those two realms. “Part I: Morning” is a collection from Corrine De Winter. Her work is haunting and emotional. “Do I make you write ethereal music” evokes images of phantoms, operas, and deadly passions. In “Terminal,” she writes, “Even my wild horses are tethered by cold reason.” It is this vivid imagery that brings each poem to life like a point of light in a black room. “Part II: Evening” by Alessandro Manzetti serves as a contrast to De Winter. His brutal edge cuts like a knife.

Corrine De Winter e Alessandro Manzetti, Venus Intervention
copertina di Daniele Serra
Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 51 – 1,49€
Formato ePub e Mobi
ISBN 978-88-98953-05-9

Beati Lotofagi recensisce Venus Intervention, di Corrine de Winter e Alessandro Manzetti

http://beatilotofagi.blogspot.it/2014/08/corrine-de-winter-e-alessandro-manzetti.html?spref=fb

Su BeatiLotofagi è uscita una bella recensione al lavoro in lingua inglese di Corrine de Winter e Alessandro Manzetti, Venus Intervention. Vi ricordiamo che l’opera è una raccolta di poesie a tinte dark uscita in eBook per la collana Versi Guasti; ecco uno stralcio della rece:

In questa raccolta Corrine De Winter ci regala lacrime stillate da un sogno oscuro. Un sogno in cui il buio e il mistero assumono le sembianze di una fiaba irlandese cantata con la cadenza tipica del blues. La sofferenza e il dolore vissuti come lacrime di sangue in un golgota di spine sognanti. Essi vengono rigenerati con una coazione a ripetere che appare come una glorificazione rituale della sofferenza, come unica forma di amplificazione esistenziale e manifestazione di vita.
Squallidi appartamenti, mura di bordelli intrise di odori acidi e natura sperduta. La pelle come porta d’ingresso del male che induce sofferenza ma anche reliquia di un amore ormai passato. La pelle riflessa da specchi che fungono da humus primordiale non solo dell’anima in essa racchiusa, ma dell’intero mondo che tale anima ha sfiorato. Lo specchio non come testimone del tempo. Lo specchio come spettatore della perdita progressiva dell’innocenza e non della sola giovinezza.
Le opere di Alessandro Manzetti sono caratterizzate da una prosa che spesso par tendere i confini e la linearità imposta dalla trama. La sua infatti è una creatività dirompente e lisergica. Nei suoi racconti e romanzi la poesia delle sue parole strazia il lettore come lampi di vibrazioni epilettiche, in una narcosi spesso estrema e ossessiva. Un’alienazione inquietante e disturbante.
I suoi lettori quindi non possono che immaginare la presenza, in questa raccolta, di raffiche oniriche che con violenza corrodono le coscienze in una serie di deflagrazioni psichiche. Nulla di più spiazzante. La sua lirica risuona accogliente come il sussurro di un necroforo giunto a comporre le nostre membra scomposte, descrivendoti nel frattempo ciò che lui ha visto nelle città maledette dell’intero universo.
Corrine De Winter e Alessandro Manzetti, Venus Intervention

copertina di Daniele Serra

Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 51 – 1,49€

Formato ePub e Mobi

       ISBN 978-88-98953-05-9

Esce Venus Intervention, silloge in inglese di Corrine De Winter e Alessandro Manzetti

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare la versione digitale della collana VersiGuasti, interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica. Inauguriamo questa prima uscita http://www.kipple.it/index.php?route=product/product&product_id=319con un omaggio alla poesia anglofona, attraverso la silloge Venus Intervention di Corrine De Winter e Alessandro Manzetti.
Due voci, due oceani, due poetiche affini in questo volume a tinte dark, in grado di mostrarci l’ampio spettro della Poesia e la sua discesa oscura nell’immaginario di Venere, in cui per la prima volta, un autore italiano pubblica insieme al vincitore e plurifinalista del Bram Stoker Awards. Prefazione a cura di Benjamin Kane Ethridge.
La quarta
L’intervento di Venere attraversa i tempi dell’uomo per giungere a noi nell’inquietudine lirica di Venus Intervention, ridefinendo e ampliando quel richiamo di bellezza e oscurità che solo una dea può, con la sua potenza, attirare a sé. L’unione complice di energie e parole è il “sentire” a due voci, sul diurno e notturno alternarsi di una poetica carica di tensioni emozionali e suggestioni che vi cattureranno dal primo all’ultimo verso.
Gli Autori
Corrine De Winter, poetessa vincitrice del Bram Stoker Award con la pubblicazione The Women At The Funeral, è stata cinque volte finalista allo stesso concorso. Scrittrice pluripremiata, riconosciuta come una delle voci più interessanti dal panorama letterario, è naturalista, filantropa, esperta del paranormale, artista e fondatrice dello Small World Fund For Children“. Vive tra il nostro mondo e il prossimo. Ha pubblicato le seguenti sillogi poetiche: A Dark Ride, The End of Desire, The Women at the Funeral, Touching the Wind, Valentines for the Dead, Virgin of the Apocalyps.
Alessandro Manzetti (aka Caleb Battiago) è un autore horror, SF e di letteratura weird nonché consulente editoriale. Ha collaborato con alcune delle più interessanti case editrici di genere come Editor, Responsabile Editoriale e Marketing, ed è stato redattore per testate giornalistiche e portali web. Membro associato della Horror Writers Association, ha pubblicato sotto lo pseudonimo di Caleb Battiago numerosi racconti e romanzi, tra i quali, due romanzi (Naraka – L’Inferno delle scimme bianche, Shanti – La città santa), due racconti (Mictlan – Doppio Inferno, Vessel – Orrore in Terrasanta) quattro raccolte di racconti (Malanima – Storie di lame e presenze, Acrux Reloaded, Parigi Sud 5 – Il quartiere dell’Apocalisse, Limbus – Trilogia di Scarafaggi), la raccolta di interviste Monster Masters – 27 Interviste con i grandi autori horror internazionali e le antologie Naraka Kollection e Red Kollection.
La collana VersiGuasti
VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo, e non solo.
Corrine De Winter e Alessandro Manzetti, Venus Intervention

copertina di Daniele Serra

Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 51 – 1,49€

Formato ePub e Mobi

ISBN 978-88-98953-05-9

Ettore Fobo, Sotto una luna in polvere


Basta con questi poeti minimalisti! Basta con “ciò che conta è il sentimento”!
Basta con le liriche talmente essenziali e facili da essere persino infantili.
TORNIAMO ALLA VERA POESIA.

Come dice Elena del Blog Vagamente Sonnambula, “il ruolo della poesia che se ne fa voce per lo più inascoltata”, perché la poesia deve scarnificare il lettore, denudarlo e metterlo davanti alle proprie mostruose contraddizioni. La poesia ha l’obbligo di tenere conto del peso della classicità epica, senza celebrarla da defunta, ma cercando nuove vie e facendola rivivere nella nostra società tecnologica.
Questo è, credo, uno dei pochi libri di poesia di nuovi autori che valga la pena di leggere oggi (Lukha B. Kremo) e non credo di dover aggiungere altro. Lo trovate sia in carta che in eBook cliccando questo link.