Archivi tag: Philip K. Dick

Philip K. Dick: la stupenda intervista di Charles Platt

Philip K. Dick è senza alcun dubbio uno dei più grandi (e originali) autori americani del secolo passato. Oggi vi presentiamo questa intervista, una delle poche che esistono dell’autore californiano, registrata nel 1979. Charles Platt intervista Dick, parlando di tanti argomenti diversi, dagli autori che lo hanno ispirato alle sue esperienze con sostanze allucinogene.  

Electric Dreams: arriva una nuova serie TV Amazon ispirata a Philip K. Dick

philipkdick

Dopo il successo ottenuto con The Man in the High Castle, Amazon ha deciso di proporre una nuova serie TV ispirata al grande autore di fantascienza Philip K. Dick. Electric Dreams: The World of Philip K. Dick sarà un’antologia di 10 puntate prodotta da Bryan Cranston (Breaking Bad), Michael Dinner, Ronald D. Moore e Sony Pictures TV. La serie adotterà un formato stand-alone comune in serie TV di fantascienza come ad esempio Black Mirror, con episodi autoconclusivi, tutti basati sui racconti brevi dell’autore californiano. Le date non si conoscono ancora.

Californium: il videogioco ispirato a Philip K. Dick

Dopo avere già ispirato innumerevoli pellicole hollywoodiane, l’universo narrativo di Philip K. Dick è adesso diventato fonte d’ispirazione anche di un videogioco: Californium. Come si può intuire dal titolo la storia, sviluppata da Nova Productions e Darjeeling, si svolge nella California del 1967. Si tratta però di una California diversa da quella che si potrebbe immaginare. Indossando i panni dello scrittore Elvin Green, infatti, il giocatore esplorerà in prima persona un mondo che non tarderà a disgregarsi. Il segnale Theta potrebbe rappresentare l’unica possibilità di salvezza, ma per salvarsi Elvin Green dovrà esplorare altre realtà parallele – forse anche più pericolose di quella originaria.

Il gioco è reperibile per Mac e PC sulla piattaforma Steam. Segue il trailer.

 

 

 

Basta coi pregiudizi su Philip K. Dick: la lettera di Anne Dick al New Yorker

Infastidita da un articolo apparso su The New Yorker, Anne Dick – terza moglie dell’autore californiano, autrice della biografia “The search for Philip K. Dick” – ha voluto scrivere una breve lettera nel tentativo si sfatare alcuni dei miti che circondano Philip K. Dick. In particolare quello che lo vedrebbero come “autore dannato”, perennemente sotto l’influenza delle droghe. Apparsa originariamente sul blog Total Dick Head, segue la lettera in lingua inglese. Buona lettura!

Dear sirs:

I was married to Philip K Dick for five years in the late fifties and early sixties, a period when he wrote some of his best sci fi novels. They were not, as your frequent contributor says maliciously, “speed fueled”. How would he know anyway? I didn’t notice him observing what was going on in my house from the corner of a room. Philip was dedicated to his writing, loved doing it and wrote effortlessly. When I was married to him he was a kind, loving, modest man, helpful around the house, and wonderful with the children. My four daughters remember him fondly. He was a great listener, an entertaining talker, lovable and loving. A paragon of a husband–-for a good while.

After Philip’s death in 1982 I read all of his sci fi novels and stories three times in the order that they were written. I ‘ve also read most of his literary novels. At that time I wrote a memoir-biography, Search for Philip K Dick, Mellen Press, 1993, a book on which both Larry Sutin and Emmanuell Carrere based their books. Philip’s sci fi novels, among many other things, were a surrealist autobiography. In fact he referred to his writing as borderline surrealism. He put in the events of his daily life but as if they had occurred in a dream. He added black-humored social and political commentary, and, as Professor Warrick at the University of Michigan noted–over the years created as many characters as Shakespeare. A book of poetry could be assembled from selections from his prose although on the whole, narrative more than style was what he was involved with. But there was so much else in his writing and his prose was adequate to it.

As far as the movies based on his books go, most of his intellectual fans think that no one has “got it right” yet. Bladerunner came the closest. Obviously your contributor is NOT a fan. As I read his article I wondered how much Philip K Dick he had actually read.

You contributor says ”…in 1963 Philip was famous, admired and read.”…so he should have been happy. Happy earning $2000 a year, $1000 total for one Ace book, $750 if it was back to back with another writer on the other side? No,he didn’t think he had arrived yet. He definitely had thwarted ambitions–one was to earn a living. In those years sci fi was in a ghetto, looked down upon by “real writers” and other literate people. This was not a happy spot to be in either. Another thwarted ambition was to attain some respect from the literary establishment.

I don’t think he thought consciously about doing social satire or protest writing. He just wrote what was happening in his life, in his thoughts, in the world, and whatever he was thinking about or reading at the moment. He had a brilliant mind, a fantastic memory, and an inordinate ability to synthesize disparate events. He was a keen observer. When he used people who were friends and acquaintances as models he caught their speech so well that years later I can almost see these people when I occasionally read a passage.

I’m surprised that someone who purports to be a serious critic would use the word “crazy” so frequently. Yes, Philip had a vision near the end of his life and spent his remaining years trying to understand it. He wrote by hand during the night a two million words manuscript that no one has read in its entirety. Perhaps his ideas are a little odd here and there yet how one not respect the enormous effort he made. Some future reader will interpret it someday.

Philip started writing when he was a child. He wrote his first novel, Return to Lilliput, when he was thirteen. He wrote for the Berkeley Newspaper at this same age. He was a writer to the bone. He wrote me in later years that all he had in his life was his writing. To continually call him “crazy” and his writing, amphetemine-driven, is not fine criticism but actually scurrilous. It is not worthy of your otherwise fine publication to which Philip and I subscribed in the early 60’s. He always hoped there would be a notice for one of his books in it and would go through every new issue looking for such. But in those days sci fi was in its pulp ghetto and a mention never would have appeared in the New Yorker. Now that finally an article about him has appeared in your pages after he has been well-recognized as a major literary figure all over the literate world, the United States being the last country to notice, I feel I need to write you and correct this disagreeable article. It has some interesting points in it but on a human level it almost has a tinge of vindictiveness. Could the author be jealous of Philip’s burning blazing writing life?

I’m surprised that I find myself in the position of defending Philip but I had to do it. This article was so unfair.

Anne R. Dick

Kipple intervista Tessa B. Dick: la scrittura, le esperienze anomale e la fantascienza / Kipple’s interview with Tessa B. Dick: writing, anomalous experiences and science fiction

Tessa B. Dick and Mr. Tubbs, Santa Ana apartment, 1976.
Photo by Philip K. Dick/Tessa B. Dick e il gatto Mr. Tubbs,
appartamento di Santa Ana, 1976. Foto scattata da Philip K. Dick.

Hi Tessa! It’s an real honour for Kipple Officina Libraria to have the opportunity to interview such an interesting author as yourself, which happens also to be the wife one of the most important writers in the history of science fiction: Philip K. Dick. Firstly, would you like to tell us what are the most important works you have written so far?

Ciao Tessa! È un vero onore per Kipple Officina Libraria avere l’opportunità di intervistare un’autrice tanto interessante, che ha anche avuto la fortuna di essere stata la moglie di uno degli scrittori più importanti della fantascienza: Philip K. Dick. Prima di tutto, che ne diresti di iniziare dicendoci quali sono secondo te le opere più importanti che hai scritto?
Choosing among my books is like choosing among my children; I love them all equally. While my two memoirs are the most popular, I am most proud of my novel Fallen Angels. I imagined a world in which angels are real people from another planet who come to visit Earth and eventually take refuge here during an interplanetary war.
È difficile scegliere fra le mie opere perché sono un po’ come le mie bambine; le amo tutte allo stesso modo. Anche se i miei lavori più noti sono le mie due biografie, sono anche particolarmente orgogliosa del mio romanzo Fallen Angels. In esso ho immaginato una realtà in cui gli angeli sono gente in carne e ossa provenienti da un altro pianeta che visitano la Terra, in fuga da una guerra interplanetaria.
What kind of man was Philip K. Dick when he was not writing?
Che tipo di persona era Philip K. Dick quando non scriveva?
Phil was always writing, except when he was talking about his writing. He used to spin out plot lines between sips of coffee and bites of food. His conversation was always fascinating. He was known to be quite generous. He acted like a lamb most of the time, but he became a real bear when angered. He despised liars, cheaters and drug addicts.
Phil scriveva sempre, e quando non lo faceva parlava di ciò che stava scrivendo. Formulava sempre nuove trame. Le conversazioni con lui erano affascinanti. Era una persona molto generosa. Era di norma molto calmo, ma quando si arrabbiava poteva alterarsi molto. Nutriva poca simpatia per i bugiardi, i truffatori e i tossicodipendenti.
Philip K. Dick had a number of anomolous experiences. Some are well known to the public at large, others much less so. For example, in an interview you conducted with Whitley Strieber, you stated that he was being visited by some strange beings. Would you like to describe some of these peculiar occurrences?
Philip K. Dick ha avuto molte esperienze anomale. Alcune sono molto note al pubblico, altre invece meno. Ad esempio, in un’intervista che hai rilasciato a Whitley Strieber, hai affermato che Dick fu visitato da alcune strane entità. Ti andrebbe di descriverci questi avvenimenti anomali?
In 1975, when we lived in the apartment on Cameo Lane, something quite extraordinary occurred. Phil saw people hiding in the corners of our living room, and they seemed shocked to realize that he could see them. Phil described them as translucent, as if they were not completely in our world. Their faces, he said, had very small mouths and almost no chins. The shape of their skulls resembled the famous bust of Nephretiti, the beautiful wife of Pharaoh Akhenaton, with the large extension of the occipital lobe at the back of the head. They told him that they came from our future, and that something had gone very wrong. Warfare and pollution had nearly destroyed the planet, and their eugenics program had robbed them of the ability to have children. They were attempting to make changes in their past, which was our present time, in order to prevent the extinction of the human race.
Nel 1975, quando vivevamo nell’appartamento di Cameo Lane, accadde una cosa molto insolita. Phil vide delle “persone” nascondersi agli angoli del soggiorno. Queste “persone” sembrarono shoccate che lui potesse in effetti vederle. Phil disse che erano traslucide, come se non fossero interamente in questa realtà. I loro volti, disse, avevano delle bocche minuscole e un mento piccolissimo. Somigliavano a Nefertiti, la bella moglie del faraone egizio Akhenaton, con la forma del cranio allungata. Gli dissero che venivano dal futuro, e che qualcosa era andato storto. Le guerre e l’inquinamento avevano distrutto quasi del tutto il pianeta, ed erano stati resi sterili dal loro programma di eugenetica. Stavano provando a cambiare delle cose nel passato, ovvero il nostro presente, per evitare l’estinzione della razza umana.
I know that you also had some visionary experiences. Would you like to tell us about them?
So che anche tu hai avuto delle esperienze particolari. Ti andrebbe di parlarcene?
When I was a small child, an angel stood behind my right shoulder and gave me advice. He said that he was protecting me from the demons, the shadows that lurked in the darkness. I saw my angel face to face when I nearly died from the Noro virus in January or February 1958, when I was 3 ½ years old. We called it the “Asian flu”, and it was a terrible epidemic. My fever was high, and I was lying in bed, when I found myself floating in the air. This did not seem strange to me. I saw dozens of people lined up to greet me, and I felt such great love and comfort that I wanted to go with them. They shook their heads, “NO”, and told me that I must go back because I had work to do. I tried to walk toward them, but my angel Michael shoved my shoulder and pushed me back into my body.
Quando ero ancora una bambina piccola, potevo vedere un angelo dietro alla mia spalla destra che elargiva consigli. Disse che mi stava proteggendo dai demoni, le ombre in agguato nel buio. Vidi il mio angelo faccia a faccia quando rischiai di morire a causa del Noro virus nel gennaio o febbraio del 1958, quando avevo tre anni e mezzo. Chiamarono questa terribile epidemia col nome di “influenza asiatica”. Avevo la febbre alta, ero distesa a letto, e di colpo mi ritrovai a fluttuare nel vuoto. Nulla di tutto questo mi sembrò strano. Vidi dozzine di persone in fila pronte ad accogliermi, e mi invase un tale senso di amore e sicurezza che desiderai rimanere lì con loro. Scossero la testa, dicendomi di “NO”, e mi dissero che dovevo tornare indietro perché avevo ancora molto lavoro da fare. Insistetti, ma il mio angelo Michele mi prese per la spalla e mi rispedì indietro nel mio corpo.
Maybe this is a very big question but, based on yours and Philip K. Dick’s experiences, what do you think about the nature of reality? Is it really an illusion?
Forse questa è una domanda molto grossa ma, basandoti sulle tue esperienze e quelle di Philip K. Dick, a quali conclusioni sei giunta riguardo alla natura della realtà? Si tratta davvero di un’illusione?
Reality seems to be a hologram, a “computer-programmed” universe, as Phil put it. The atoms of which we are made consist of more than 99 percent empty space, and the subatomic particles that make up the substance of the atoms do not seem to exist. For example, an electron jumps from one orbit to another without crossing the space in between the two orbits. On the other hand, “empty” space does not seem to be empty, after all. According to quantum physics, one cubic centimeter of “empty” space contains more energy than all the matter in the known universe. In other words, the universe is made out of nothing. On the other hand, it still hurts if you run into a brick wall.
La realtà sembrerebbe essere un ologramma o, come sosteneva Phil, un universo programmato dal computer. Gli atomi di cui siamo composti consistono per il 99 per cento di spazio vuoto, e le particelle subatomiche di cui dovrebbero essere costituiti gli atomi sembra che in realtà non esistano nemmeno. Ad esempio, un elettrone salta da un’orbita all’altra senza appunto attraversare lo spazio che separa le due orbite. D’altro canto, sembra che tanto “vuoto” lo spazio dopotutto non lo sia affatto. Secondo la fisica quantistica, un centimetro cubo di spazio “vuoto” contiene più energia di tutta la materia nell’universo conosciuto messa assieme. In altre parole, l’universo è fatto di “nulla”. Eppure andare a sbattere contro un muro di mattoni fa comunque male.
Would you like to tell us about the work you’re currently doing for example with PKD Otaku? What projects do you have in mind for the future?
Ti piacerebbe parlarci del lavoro che stai portando avanti con PKD Otaku? Quali progetti hai per il futuro?
PKD Otaku is a fanzine available online and free of charge at http://www.philipkdickfans.com. They tell me that “otaku” is the Japanese word for “obsession”, and PKD stands for Philip K. Dick (although an internet search for “PKD” often leads to articles about polycystic kidney disease). Jamelle Morgan and David Hyde perform most of the work, so I cannot take much credit for it. I am very highly impressed by the quality of this publication.
My plans for the future include completing the sequel to Fallen Angels, which has the working title Wrath. It is difficult to find time to write, especially since I have taken on a weekly radio show. Every Monday at 3 p.m. Pacific time (11p.m. in England), I host a 90-minute show on http://www.freedomizerradio.com. My show, “Ancient of Days”, can also be found on Blogtalk, where past episodes are archived. My most recent installment is found at:
PKD Otaku è un fanzine online gratuito reperibile all’indirizzo http://www.philipkdickfans.com. Mi dicono che “otaku” in giapponese significhi “ossessione”, e PKD è invece l’abbreviativo di Philip K. Dick (anche se in rete, cercando “PKD”, spesso si ottiene “Malattia policistica renale”). Gran parte del lavoro è svolto da Jamelle Morgan e David Hyde, quindi non posso prendermi io tutto il merito. Devo dire che sono molto contenta dell’alta qualità del fanzine.
Intendo concludere il seguito di Fallen Angels, che si intitolerà Wrath. Faccio fatica però a trovare abbastanza tempo da dedicare alla scrittura, specialmente per via del programma radio settimanale che conduco. Ogni lunedì alle 3 p.m. ora del Pacifico (11. p.m. in Inghilterra), conduco un programma di 90 minuti su http://www.freedomizerradio.com. Il mio show, “Ancient of Days”, è reperibile anche su Blogtalk, dove vengono archiviati tutte le puntate. Troverete la mia ultima trasmissione qui:
Thanks Tessa for this very interesting interview. It’s been a real pleasure.
Grazie Tessa per questa interessante intervista. È stato un vero piacere.
Intervista e traduzione di Roberto Bommarito.

Vuoi avere questa intervista gratis sul tue e-reader? Scaricalo da bookrepublic.it.


  ~~~


Le altre interviste di Kipple:

Gli aforismi di Philip K. Dick

“La realtà è quella cosa che quando smetti di crederci non svanisce.” Questo è forse l’aforisma più famoso di Philip K. Dick. Ma non è la sola frase dell’autore californiano che invita a una profonda riflessione sulla natura della realtà, sull’identità e sulle relazioni interpersonali. Dopo avervi mostrato lo stupendo fumetto firmato Robert Crumb che narra le esperienze religiose di Philip K. Dick, oggi vi presentiamo una serie di aforismi dello scrittore statunitese che valgono di sicuro la pena di essere letti con attenzione.

  • “In questa vita ci mostrano soltanto i trailer.” (Un oscuro scrutatore)
  • “Io sono un occhio.” (Un oscuro scrutatore)
  • “Lo strumento fondamentale per la manipolazione della realtà è la manipolazione delle parole. Se puoi controllare il significato delle parole, puoi controllare le persone che devono usare le parole.”  (The basic tool for the manipulation of reality is the manipulation of words. If you can control the meaning of words, you can control the people who must use the words. (How To Build A Universe That Doesn’t Fall Apart Two Days Later, 1978)
  • “Mi dispiace dirlo ma gli scrittori di fantascienza non sanno nulla. Noi non possiamo parlare di scienza perché le nostre conoscenze al riguardo sono limitate e non ufficiali, e solitamente la nostra finzione è terribile.” (Intervista)
  • “La verità diverte sempre gli ignoranti.” (Noi marziani)
  • L’universo non avrà mai fine, perché proprio quando sembra che l’oscurità abbia distrutto ogni cosa, e appare davvero trascendente, i nuovi semi della luce rinascono dall’abisso. (La svastica sul sole)
  • Perché non rilassarsi un po’? Magari una passeggiata in macchina fino al Golden Gate Park, con lo zoo e i pesci? Fare una visita dove le cose che non possono pensare provano comunque gioia. (La svastica sul sole)
  • “Volevo solo dirti una cosa. Due, al massimo. Primo, che lui, sai di chi parlo, esiste davvero, c’è davvero. Anche se non come l’abbiamo pensato e ne abbiamo fatto esperienza finora… o come riusciremo mai a farlo. E secondo… non può aiutarci più di tanto. Forse un po’. Ma se ne sta a mani vuote; capisce, vuole aiutare. Ci prova, ma… non è così semplice, tutto lì. Non mi chiedere perché. Forse non lo sa nemmeno lui. Forse è perplesso anche lui. Persino dopo tutto il tempo che ha avuto per pensarci su.” (Le tre stimmate di Palmer Eldritch)
  • “A suo giudizio la persona completa non si chiude nel proprio lavoro, per quanto quel lavoro possa essere elevato. Un calzolaio che si consideri solo qualcuno che ripara scarpe si limita in maniera perversa; quindi, in base a quella logica, un vescovo deve addentrarsi nelle regioni occupate dall’uomo intero. Una di queste regioni è quella della sessualità. ” (La trasmigrazione di Timothy Archer)
  • “Il semplice fatto che qualcosa appaia inevitabile non dovrebbe indurci ad accettare supinamente.” (La trasmigrazione di Timothy Archer)
  •  “Si sentiva oppressa da un peso che la tagliava fuori dal futuro e le precludeva qualsiasi opportunità che avrebbe potuto in precedenza contenere.” (Cacciatore di androidi)
  • “Ma a un androide non si può far niente, perché se ne strafregano.” (Cacciatore di androidi)
  •  “Kipple, sono tutti gli oggetti inutili, come una bustina di fiammiferi dopo aver usato l’ultimo fiammifero, o una fascetta gommata, o il giornale omeopatico del giorno prima. Quando non c’è nessuno in giro, il kipple si riproduce. Per esempio, se vai a letto lasciando in giro del kipple, la mattina dopo, quando ti svegli, ce n’è il doppio. E diventa sempre di più.” (Cacciatore di androidi)

Altri articoli Kipple su Philip K. Dick:

    Kipple intervista Sandro Pergameno: l’editoria, la storia della fantascienza e i nuovi orizzonti

    Ciao Sandro. È un vero onore averti ospite qui sul blog di Kipple. La maggior parte degli appassionati di fantascienza sa molto bene chi sei. Ma, per chi si fosse accostato al genere solo di recente, ti andrebbe di raccontarci qual è stato il tuo percorso nel mondo della SF?

    Certo. Diciamo che ho fatto la trafila che hanno fatto in molti. Ho iniziato a leggere fantascienza quando avevo undici anni, quasi per caso: un mio zio mi regalò per Natale alcuni libri, tra cui spiccava “Il sole sotto il mare”, di Jean Gaston Vandel, un romanzo che catturò la mia fantasia di adolescente con il suo anelito libertario (parlava di una rivolta contro la tirannia). Dopo anni di letture voraci e solitarie, all’epoca dell’università cominciai a frequentare altri appassionati di Roma (avevamo una cantina in subaffitto il giovedì sera, che era utilizzata gli altri giorni per “feste” e “incontri”). All’epoca – parliamo dei primi anni settanta – avevamo anche qualche iniziativa amatoriale (fanzine e articoli sparsi; ricordo che avevamo creato anche una piccola serie di bibliografie ciclostilate degli autori più celebri). In quel periodo ho conosciuto Sebastiano Fusco e Gianfranco De Turris, e con loro cominciai a fare qualche traduzione per Fanucci padre (persona squisita). Partecipando a una Italcon a Trieste (organizzata da Giuseppe Lippi) ebbi l’occasione di conoscere Gianfranco Viviani, l’editore della Nord. Dopo una breve parentesi alla Libra di Ugo Malaguti, quando Riccardo Valla (allora curatore della Nord) decise di mettersi in proprio e aprire una libreria a Torino, Viviani pensò a me per rimpiazzarlo. Naturalmente accettai con entusiasmo. Così, dal 1978 al 1985 circa, mi sono dedicato alla cura delle collane della Nord (da Cosmo Oro a Cosmo Argento, Fantacollana, Narrativa d’Anticipazione e Grandi Opere). È il periodo che ricordo con maggior affetto. Nel 1992 Fanucci figlio, che era subentrato alla morte del padre Renato, mi propose di fare il consulente per le sue collane di fantasy e fantascienza, ed io mi rituffai con entusiasmo in questa nuova fase fantascientifica. La crisi generale e dell’editoria fantascientifica in particolare portarono a un mio allontanamento dalla Fanucci intorno agli anni duemila. Da allora mi sono dedicato alla lettura e alla mia attività lavorativa principale (l’informatica).
    Come ha preso corpo l’idea del sito Cronache di un sole lontano e cosa ha da offrire all’appassionato di fantascienza?
    Era un’idea che mi ronzava per la mente da qualche tempo. Guardando il panorama dei blog amatoriali o semiprofessionali anglosassoni, mi sembrava che in Italia, pur essendoci molti splendidi blog amatoriali, non ce ne fosse nessuno che si ponesse come obiettivo quello di dare un’informativa il più completa possibile sulle novità e uscite del settore, concentrata soprattutto sul settore editoriale fantascientifico. In realtà ci sono ottimi siti web (ad es, Fantascienza.com) che danno una buona panoramica di quanto avviene nel campo, ma spesso le uscite librarie si perdono tra le notizie di fumetti, cinema e media vari. E invece il mio interesse è principalmente sulle uscite librarie, con recensioni brevi ma puntuali. Ed è questo che cerco di fare assieme agli amici trovati su Facebook (grande strumento per conoscere persone con cui si condivide un interesse o una passione). Che poi ci si riesca, bè, questo è tutto da vedere, visto che il blog è nato solo pochi mesi fa’ ed è davvero presto per fare consuntivi.
    Dal sito è nata di recente l’omonima rivista, fra l’altro davvero ben realizzata, scaricabile gratuitamente da questo indirizzo. Ti andrebbe di parlarcene?
    Questa è stata davvero una sorpresa, anche per me. Il magazine non era proprio previsto. Le mie conoscenze di grafica e di programmazione web sono talmente basse che anche la nascita del blog per me era già un grosso successo…Un paio di settimane fa’ Tiziano Cremonini, grafico e illustratore, nonché amico vero seppure incontrato su FB, mi ha fatto questa proposta, mettendo a disposizione la sua esperienza e bravura di grafico e soprattutto il suo tempo prezioso per la realizzazione della rivista, che, lo ribadisco anche qui, non è un periodico e non ha fini di lucro. Il merito quindi è sostanzialmente di Tiziano; io ho solo messo a disposizione il materiale del blog…ah, ho anche aggiunto il racconto di Alexia Bianchini, che si è offerta gentilmente di prestarcelo.
    La fantascienza in Italia non gode di buonissima salute. A cosa credi che sia dovuto: sono i lettori a non nutrire alcun interesse per il genere oppure è il mondo dell’editoria che non riesce a promuovere la fantascienza come dovrebbe?
    Questa è una domanda molto interessante e ricorrente. Ci sono vari fattori che hanno contribuito alla crisi dell’editoria di fantascienza nel nostro paese (i film vanno sempre molto bene, ma non portano mai nuovi lettori, purtroppo). Difficile dire quali di questi fattori abbia avuto più rilievo negativo. Provo comunque a elencare quelli che ritengo più significativi. La fantascienza, diciamolo subito, ha avuto un lento declino rispetto al culmine che aveva raggiunto intorno agli anni settanta/ottanta. Già agli inizi degli anni novanta il suo pubblico andava diminuendo, e così è stato sempre più fino ad oggi. Dai lontani potenziali 50.000 lettori siamo scesi a un pubblico potenziale di qualche migliaia di lettori (un rilegato che venda 3/4000 copie è già un bestseller ormai). La crisi economica ha di certo una sua influenza: oggi poche persone, e soprattutto pochi giovani, possono permettersi di spendere 15/20 euro per un libro cartonato. Ma i soldi e la crisi non sono il problema principale della fantascienza; prova ne è che anche la tiratura e le vendite di Urania, che ha sostanzialmente mantenuto un prezzo assai contenuto e alla portata di tutte le tasche (meno di 5 euro), sono andate calando. Direi che tre sono i fattori che hanno giocato un ruolo decisivo nel declino di questa forma letteraria in Italia. 1) la narrativa fantascientifica è stata spesso superata dagli sviluppi della scienza (ad es. su internet e il mondo virtuale), e molti autori del genere hanno continuato a ripetere un po’ stancamente tematiche ormai consunte (il che non vuol dire che non ci sono più buone opere di sf ma che è più difficile andarle a scovare all’interno di una produzione comunque molto ampia). Questa mancanza di nuove idee da parte di molti scrittori è coinciso con l’inglobamento di certe idee fantascientifiche all’interno della narrativa mainstream. Paradossalmente, oggi compaiono più romanzi di sf di un tempo, ma molti di questi escono al di fuori delle collana specializzate e gli stessi autori (vedi Tullio Avoledo, ad es.) preferiscono uscire senza l’etichetta fantascientifica. 2) Il progressivo imbarbarimento culturale (non solo in Italia) ha spinto gli editori a favorire altri generi di più facile consumo (leggi romance, fantasy, vampiri adolescenziali, e letteratura “banale” e “popolare” in genere) a discapito della fantascienza. 3) Un ruolo non troppo marginale può averlo giocato anche la mancanza di coraggio da parte di curatori ed editori. La mancanza di fondi a disposizione ha infine spinto gli editori, oltre che a fare scelte poco coraggiose, anche a risparmiare su figure fondamentali per il successo di un libro, come traduttori, curatori, grafici, ecc.. L’editore non può, lo ribadisco a chiare lettere, fare tutto da solo, come avviene troppo spesso oggi nell’editoria fantascientifica italiana..
    Fra tutte le opere di fantascienza che hai curato, quali sono le tue preferite?
    Non ho dubbi. La collana delle Grandi Opere, i volumoni annuali della Nord in cui inserivo una ventina di racconti e romanzi brevi dedicati ogni volta a un tema importante della fantascienza (La robotica, I mutanti, Il futuro della Terra, L’esplorazione dello spazio…), rimane sicuramente la mia preferita. Era molto divertente assemblare questi volumi e raccontare la storia e l’evoluzione della fantascienza attraverso queste sequenze narrative.
    Per quanto sia un’impresa ardua, se fra i grandi autori della fantascienza dovessi sceglierne solo tre, chi sceglieresti e perché?
    Difficilissimo fare una scelta. Cito, in ordine casuale, tre autori cui sono affezionato dai tempi della gioventù. Robert Silverberg, per la sua capacità di dare una svolta letteraria alla produzione fantascientifica dell’epoca, per il suo magnifico approfondimento psicologico dei personaggi, mirabilmente fuso con le tematiche fantascientifiche classiche (il rapporto tra uomo e alieni, tra uomo e Dio, la religione, gli androidi, i problemi esistenziali dell’umanità. I suoi romanzi più belli e più celebri, come Torre di cristallo, Tempo delle metamorfosi, Morire dentro (solo per citare tre dei suoi eccezionali romanzi) sono inoltre ravvivati da uno stile limpido e letterariamente valido, il che, nei lontani anni sessanta, era quasi una novità assoluta. Il secondo è Philip K. Dick, ormai noto a tutti, per il suo genio narrativo, la sua folle e visionaria immaginazione, l’originalità delle sue tematiche: i suoi romanzi, complessi e poderosi, ricchi di personaggi memorabili, hanno lasciato un segno nella mia mente e nel mio animo (ma non credo di essere l’unico…). E infine, last but not least, il grande Jack Vance, scomparso di recente, maestro della narrazione avventurosa spaziale, la cui fantasia ha prodotto i mondi e gli alieni più affascinanti dell’intera letteratura fantascientifica.
    A tuo parere cosa differenzia il grande scrittore di fantascienza capace di lasciare il segno nella storia del genere (e nel cuore dei lettori) da tutti gli altri?
    Ci vogliono tanti fattori per fare un grande scrittore di sf. In primis, come in ogni altro genere, bisogna saper scrivere, saper gestire la trama e i suoi sviluppi in maniera coerente e complessa, a partire dall’inizio dell’opera ma soprattutto nella fase conclusiva (molti romanzi si perdono nel finale), che è sicuramente la più difficile. Oggi è molto importante anche lo stile, e l’attenzione allo sviluppo dei caratteri dei personaggi e delle loro interrelazioni. In secondo luogo, lo scrittore di sf deve essere al corrente di tutti gli ultimi sviluppi della scienza e della tecnologia, e deve saper cogliere le possibili ricadute e implicazioni di tali innovazioni sull’uomo e sulla società. Infine, una grandiosa dote di immaginazione e fantasia. Solo il giusto mix di questi fattori può portare uno scrittore a distinguersi dalla media o dall’aurea mediocritas.
    Grazie mille Sandro per la tua disponibilità. È stato un vero piacere. Ti faccio un grosso in bocca al lupo per il magazine e spero di poterti ospitare di nuovo qui in futuro!
    Grazie a te! E’ stato un piacere anche per me.
    Le altre interviste di Kipple: