Archivi tag: festa

Lukha B. Kremo vince il Trofeo Cassiopea 2017 con Pulphagus®

Ieri sera, all’Hotel Ambasciatori di Fiuggi, nell’ambito della manifestazione DeepCon, il nostro editore Lukha B. Kremo ha vinto il Trofeo Cassiopea riservato ai romanzi di Fantascienza editi, con Pulphagus®, già Premio Urania 2015: in altre parole, Pulphagus® è risultato il miglior romanzo italiano del genere degli ultimi cinque anni.

Momenti di festa in redazione Kipple per l’inattesa ma meritata vittoria del nostro Kremo. Adesso il futuro ci aspetta, come sempre.

2016 Bram Stoker Awards Preliminary Ballot

Sono stati annunciati (qui) i Preliminary Ballot del Premio Bram Stoker 2016; belle sorprese in più categorie, con autori italiani (molti variamente pubblicati da noi) e nostre pubblicazioni in lizza per il Premio finale che sarà decretato alla StokerCon il 30 aprile, a Long Beach, California. Ecco il dettaglio le categorie interessate – in sottolineato ciò che riguarda Kipple:

Superior Achievement in a Novel

  • Lombardi, Nicola – The Tank (Dunwich Edizioni)

Superior Achievement in a Graphic Novel

  • de Campi, Alex – No Mercy, Vol. 2 (Image Comics)

Superior Achievement in Short Fiction

Superior Achievement in an Anthology

  • Manzetti, Alessandro – The Beauty of Death (Independent Legions Publishing)
  • Manzetti, Alessandro and di Orazio, Paolo – The Monster, the Bad and the Ugly (Kipple Officina Libraria)

Superior Achievement in a Poetry Collection

Ringraziamo vivamente i nostri autori e curatori per il traguardo raggiunto finora, e vogliamo fortemente festeggiare con voi il Premio finale, il 30 aprile. KeepTalking!

Alessandro Manzetti ai vertici della Horror Writers Association!

Come riportato da FilmHorror.com, Alessandro Manzetti, il nostro direttore di collana k_noir,

già vincitore del Bram Stoker Award 2016 per la raccolta di poesie Eden Underground è stato eletto nel Board of Trustee dell’Horror Writer Association, assieme a Linda Addison e Ellen Datlow. Ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, che la Horror Writers Association Italy recentemente costituitasi non è un’appendice periferica della storica organizzazione mondiale, ma una parte integrante e attiva, alla pari di tutti gli altri Chapter.

L’incarico, di durata biennale, è davvero di grande prestigio. Il Board dell’associazione internazionale è composto di sette Trustees eletti, più il Presidente e il Vice-Presidente. Manzetti è l’unico europeo a farne parte, tutti gli altri (anche quelli che erano candidati) sono statunitensi. Possiamo ben dire che si tratta di una importante svolta strategica della HWA. Il significato di questa vittoria cresce ulteriormente se teniamo conto che le recenti elezioni interne all’associazione hanno visto il più alto numero di votanti di sempre.

Permetteteci di essere orgogliosi di Alessandro, siamo così felici per lui e per le cose che sta facendo, noi siamo con lui verso tutti i trionfi che l’attenderanno, insieme a k_noir!

KeepTalking!

Festa e considerazioni per il Premio Urania 2016 in casa Kipple

81552-kipple_logo_250Noi di Kipple Officina Libraria siamo orgogliosi del nostro editore, Lukha B. Kremo, fresco vincitore del Premio Urania 2016. Vogliamo festeggiare quest’evento con la gioia di saperlo faro istituzionale, genio della SF italiana di quest’anno e desideriamo prendere l’occasione al volo per celebrarci un minimo davvero; permetteteci di farlo per i pochi motivi che vi elenchiamo qui sotto:

  • È il secondo anno consecutivo che i redattori-autori di Kipple vincono il Premio Urania, l’anno scorso addirittura in condominio con un ex redattore della casa editrice (Sandro Battisti con l’ex Francesco Verso).
  • Nella line-up un altro redattore-autore, Alessandro Manzetti, ha vinto poche settimane fa il prestigiosissimo premio internazionale Bram Stoker Award per la poesia dark.
  • Anche Roberto Bommarito, redattore-autore a sua volta, è il vincitore di diversi concorsi letterari fra cui il Premio Robot, il Premio Polidori per la letteratura horror, il Premio Short-Kipple ed è Campione di Minuti Contati.
  • Ksenja Laginja, artista grafica nonché responsabile della comunicazione Kipple, è una poetessa finalista al Premio Nazionale Ossi di Seppia.

Crediamo che ben poche case editrici al mondo possiedano questa densità di artisti, nonché redattori, premiati in prestigiosi contest nazionali e internazionali, per non parlare dei numerosi autori Kipple vincitori in altri autorevoli concorsi non solo nazionali; in definitiva, la densità di questi winner è pari al quasi 100% dell’organico redazionale della casa editrice. Permetteteci di dire, quindi, che Kipple è sinonimo di qualità nel mondo del Fantastico italiano e anche internazionale; il nostro catalogo, consultabile su www.kipple.it, risente di questa eccelsa levatura; dateci uno sguardo e troverete una quantità enorme di titoli di categoria davvero stellare.

Vogliamo ricordare in questo momento così importante anche il Connettivismo che è parte integrante, fondante e interprete della nostra attività letteraria: questo Premio Urania è l’ennesimo del Movimento ed è festa anche per ciò.

Cari lettori, per ora è tutto. Vi ringraziamo per la vostra fedeltà, cerchiamo di premiarvi sempre con la qualità.

Ancora complimenti, Kremo!

KeepTalking

Il nostro editore Lukha B. Kremo vince il Premio Urania 2016

La notizia suona come una festa e un meraviglioso riconoscimento all’opera del nostro fd216-kremousa1biseditore Lukha B. Kremo, che ha vinto il Premio Urania 2016, così come annunciato dal comunicato della redazione Urania e subito riportato da Fantascienza.com. Il romanzo che ha vinto il Premio è  Pulphagus®, e sarà nelle edicole a novembre.

Questo scrive Silvio Sosio su Fantascienza.com:

Kremo, animatore delle edizioni Kipple, è uno dei personaggi più eclettici e creatici del mondo italiano della fantascienza: compositore musicale, poeta, animatore di iniziative provocatorie di ogni genere, ma anche ottimo scrittore. Ha pubblicato quattro romanzi (tutti editi da Kipple) e ha vinto tre volte il premio Italia, risultando in finale per ben otto volte nella categoria “Operatore Artistico”.

Vogliamo, tutti noi della redazione Kipple, complimentarci con Kremo, fermarci un attimo a far festa e poi ripartire, ché la passione continua ancora più motivata. È una festa anche del Connettivismo, ormai pluripremiato Urania in un arco temporale lungo un decennio. Grande, grande Kremo!

Il vincitore del Premio Kipple 2016 è: Luigi Straneo, Pee Gee Daniel, con Freakshow

Kipple Officina Libraria è lieta di annunciare il vincitore del Premio Kipple 2016: Luigi Straneo, noto in rete come Pee Gee Daniel, ha vinto il prestigioso Premio con l’opera Freakshow, un rutilante mondo siderale popolato da fenomeni da baraccone, in cui si agitano inquietanti mostri del Passato.

Kipple desidera complimentarsi con Luigi e ringraziare gli altri autori partecipanti per l’ottimo materiale inviato, un livello di sfidanti e qualità che ci ha fatto molto piacere rilevare. Freakshow è previsto in uscita cartacea e digitale verso la fine dell’anno. KeepTalking!

ALESSANDRO MANZETTI… E I BRAM STOKER AWARDS « La zona morta

Su LaZonaMorta una bella intervista ad Alessandro Manzetti, editor di collana k_noir per la Kipple e autore, anche per Kipple, nonché fresco vincitore allo Stoker Award di quest’anno dove

Alessandro Manzetti con la sua editor Jodi Renée Lester

ha primeggiato tra le poesie dark (in sostanza, l’Oscar dell’Horror mondiale). Onore quindi ad Alessandro, che ha subito ripreso a lavorare per raggiungere nuovi obiettivi, come se quelli che ha ottenuto siano cose da nulla; intanto, qui sotto uno stralcio della bella chiacchierata:

Scrittore, saggista, curatore di antologie, editore, fondatore della sezione italiana della “Horror Writers Association”… ma quante cose riesce a fare Alessandro Manzetti? Talmente tante che, fra una cosa e l’altra, riesce anche a vincere un “Bram Stoker Award”. Non ci credete? Beh, guarda caso ce l’abbiamo proprio qui con noi per farci raccontare come è andata.

CIAO ALESSANDRO E BEN RITROVATO SULLE PAGINE DELLA ZONA MORTA. L’ULTIMA VOLTA CHE CI SIAMO SENTITI STAVI PER AFFRONTARE LE FINALI DEI “BRAM STOKER AWARDS” DELLO SCORSO ANNO. COSA E’ SUCCESSO DA ALLORA?

È sempre un piacere farti visita da queste parti. Dunque, da allora sono accadute diverse cose, lo scorso anno ho partecipato alla “World Horror Convention” ad Atlanta, come finalista dei “Bram Stoker Awards”, e ho avuto modo di incontrare moltissimi autori e amici, mettere in piedi nuovi progetti e collaborazioni, e vivere la magica atmosfera della cerimonia dei “Bram Stoker Awards”, nella quale mi hanno coinvolto per presentare e premiare la categoria “Short Fiction”. Dopo il ritorno in Italia, ho continuato a lavorare a diversi progetti e pubblicazioni, sia in lingua italiana che inglese, che non sto a elencarti. A distanza di un anno, sono appena rientrato da Las Vegas, dallo “StokerCon”, la convention annuale organizzata dalla “Horror Writers Association” dove insieme a Paolo Di Orazio ho presentato un nuovo libro in lingua inglese ‘The Monster, the Bad and the Ugly”, ho tenuto un panel dedicato al mercato internazionale e ho di nuovo partecipato come finalista ai “Bram Stoker Awards”, per la seconda volta consecutiva, ma stavolta portando a casa un risultato a dir poco eccezionale.