l’Officina – Info

l’Officina

Un po’ di storia:
nel maggio 1995 Lukha B. Kremo crea le edizioni Kipple con l’intento di diffondere una certa cultura underground che in Italia trova pochi sbocchi editoriali. Le prime edizioni sono ciclostili a colori a basso prezzo che presentano racconti cyberpunk.
Nel 1996 Kipple sbarca su Internet.
Nel 1997 Kipple pubblica i primi ciclostili con copertina trasparente.
Nel 1998 assume la denominazione definitiva di Kipple Officina Libraria.
A inizio aprile 1999 esce il primo libro stampato in tipografia in 1000 copie numerate.
Al 10 aprile 1999 risale l’organizzazione del primo reading-performance al “Deposito Bulk” di Milano.
Nel settembre 1999 nasce l’idea della rivista-fanzine “Avatär”. Il primo numero esce nel gennaio 2000.
Con l’inizio del secolo nascono i primi progetti di mail-art.

Nel giugno 2000 viene acquistato il dominio kipple.it. Da questo momento è possibile acquistare online i prodotti Kipple.
Nell’estate del 2001 prende il via il progetto-fanzine “Miroir du Gourmet”, che dichiarerà fin da subito la propria conclusione solo con il decesso di papa Giovanni Paolo II.
Nella primavera 2002 “Avatär” si aggiudica il Premio Italia per il Miglior Saggio Amatoriale.
Nella primavera 2003 “Avatär” si aggiudica i Premi Italia per la Migliore Rivista Amatoriale e il Miglior Saggio Amatoriale.
Nell’estate 2003 si inaugura la prima collana di cd “Intonarumori”.
Nel settembre 2004, da un progeto di mail-art (l’Azione Oscura, indetta da Vittore Baroni) nasce l’idea della N/azione oscura Kaos-Sf (Kipple Avatär Obscura Societas-Second Foundation) che viene realizzata il 21 dicembre.
Dopo nove numeri (come gli avatära della tradizione indù) esce il decimo e ultimo numero della rivista “Avatär” (secondo la stessa tradizione il decimo avatära chiuderà i tempi) nel novembre 2004, concludendo il progetto.

Nel marzo 2005, dalle ceneri di “Avatär”, nasce la collana inizialmente denominata “Bibliotheka di Avatar”: inaugura la collana un’antologia di Vittorio Catani.
In aprile, con la morte di Giovanni Paolo II, si conclude il progetto-fanzine “Miroir du Gourmet”.
Nel marzo 2006 si inaugura la collana “Versi Guasti” con Eugenio Cavacciuti (Ettore Fobo).
Nel febbraio 2007 si inaugura la collana “V.”.
Nei primi mesi del 2008 nasce il Premio Kipple.
Nell’aprile 2008 parte la collana “Camaleonte”, esce il primo volume di “L’arabo per tutti”, primo manuale in Italia di arabo dedicato ai bambini italiani arabofoni.
Il primo Premio Kipple viene assegnato a “I signori del Malsem” di Biancamaria Massaro.
Nel settembre 2009 la redazione si allarga al Premio Urania Francesco Verso e a Sandro “Zoon” Battisti, e successivamente a Luigi Milani.
La seconda edizione del Premio Kipple va a “Ultima pelle” di Alberto Cola.
A novembre 2009 parte il progetto-collana “PayPerBook”, terminato nel 2011.

Nel gennaio 2010 la “Bibliotheka di Avatar” prende la definitiva denominazione di “Avatar”.
A marzo si inaugura la collana di minibooks “Capsule”.
A maggio kipple.it cambia manteiner e a settembre si inaugura l’attuale sito.
La terza edizione del Premio Kipple va a “La pesatura dell’anima” di Clelia Farris.
Nell’ottobre 2010 Kipple inizia la vendita di eBook in formato ePub (con tre collane: “eAvatar”, “Capsule”, “V.”), e bandisce il Premio Short Kipple per i racconti.
A dicembre Kipple è la prima casa editrice in Italia a vendere più eBook che libri cartacei.
A gennaio 2011 si aggiunge la collana eBook “K”.
Il primo Premio Short Kipple va ex aequo a Giuseppe Agnoletti e Domenico Mastrapasqua.
Ad agosto 2011 Kipple inizia la vendita di eBook in formato Mobi su Amazon.com, Amazon.uk e Amazon.de, a ottobre su Amazon.fr, da dicembre su Amazon.es e Amazon.it., raggiungendo la 1° posizione degli eBook più venduti in Italia (di tutti i generi) con “Il gatto di Schrödinger” di Lukha B. Kremo e mantenendola per 1 settimana, a dicembre dello stesso anno, e 1° per 3 mesi circa (da dicembre a febbraio 2012) tra gli eBook di fantascienza.
La seconda edizione del Premio Short Kipple va a “Scarti” di Roberto Bommarito.
La quarta edizione del Premio Kipple è assegnata a “Il canto Oscuro” di Alessio Brugnoli.
Da giugno 2012 Kipple è distribuita sull’Apple Store.
La quinta edizione del Premio Kipple è assegnata a “I negromanti” di Alessandro Forlani (che uscirà però per Mondadori come “I senza-tempo” per aver vinto successivamente il premio Urania).
La terza edizione del Premio Short Kipple va a “I transmortali” di Paolo Durando.
La sesta edizione del Premio Kipple è assegnata a “L’era della dissonanza” di Matteo Barbieri.
Nel biennio 2012-2013 la distribuzione su Amazon si è allargata a comprendere i seguenti Paesi (oltre a Italia, Usa, Uk, Francia, Germania e Spagna): India, Canada, Giappone, Australia, Brasile, Messico e Olanda.
Il 1° febbraio 2014 Francesco Verso abbandona il ruolo di co-direttore della collana “Avatar”. La line-up della redazione muta con l’ingresso di Ksenja Laginja nel settore marketing.
Dopo aver festeggiato, a luglio 2014, il 100° ebook edito, ad agosto il blog ufficiale migra su piattaforma WordPress.
La quarta edizione del Premio Short Kipple va a “Dermathopia” di Alberto Vertighel.
La settima edizione del Premio Kipple è assegnata ex aequo a “Black Blade” di Marco Milani e “Lithica” di Alessio Brugnoli.

A marzo 2015 Kipple festeggia la vendita del 10000° ebook.
La quinta edizione del Premio Short Kipple va a “Nella luce” di Francesca Fichera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...