Archivi categoria: ebook

The origins – Recensione su Fantascienza.com

Su Fantascienza.com è uscita una bellissima recensione a The origins, la raccolta di racconti di Marco Milani, Giovanni De Matteo, Lukha B. Kremo e Sandro Battisti relativa soprattutto ai primi periodi del Connettivismo, di cui gli autori sono esponenti. Una estrapolazione della disamina a cura di Giampaolo Rai, che contiene tra l’altro anche dettagliate analisi di ogni singolo racconto e autore:

Un libro consigliato agli appassionati del movimento ma anche a chi volesse accostarsi per la prima volta al connettivismo, The origins riesce a darne una panoramica completa. Se poi siete persone poco interessate ai movimenti letterari ma molto alle buone storie di fantascienza allora questa antologia sarà soddisfacente anche per voi, magari gli autori non saranno riusciti a farvi “comprendere la natura del Connettivismo e dei suoi protagonisti”, ma avrete letto comunque otttima fantascienza.

Sandro Battisti, Giovanni De Matteo, Marco Milani – The Origins
Special Guest Lukha B. Kremo
A cura di Marco Milani

Kipple Officina Libraria
Collana Avatar (Vol. 20) — Formato ePub e Mobi — Pag. 198 – € 1.99
ISBN 978-88-98953-08-0

Link

Esce Diario di Casoli, raccolta poetica di Ettore Fobo

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare, nella collana VersiGuasti, “Diario di Casoli” di Ettore Fobo, una nuova avventura poetica – in versione digitale – agreste e intimista.

uppercoverCasoli è il luogo bucolico per antonomasia. Bucolico nel senso di lontano dal nostro quotidiano, separato, scisso e, come direbbero i latini, assoluto. Casoli è il luogo della natura originaria, di Madre Natura e di quello che Goethe chiamava il “regno delle madri”.

Casoli però è anche alterità, diversità, lontananza. Casoli è ciò che non è. Casoli è altro rispetto al mondo di ogni giorno, separazione dalla realtà in cui il poeta, come tutti noi, è immerso. Ettore Fobo comprende di essere in un luogo diverso, non solo in senso assoluto, ma in un significato più personale, quasi intimo, profondamente esistenziale.

Il cammino immobile

Per poter introdurre il poema di Ettore Fobo “Diario di Casoli” dovremo compiere un lungo cammino. Un percorso attraverso la poesia dell’Autore, una lenta anabasi (da intendersi come la direzione che sale dal mare verso la montagna) alla vetta, una peregrinazione apparentemente disordinata lungo sentieri tracciati e tappe definite. Vedremo che questo viaggio nel bucolico panorama disegnato da Ettore Fobo sarà un vagare immobile verso una precisa destinazione: l’impossibilità della parola.

Le ventisette poesie del “Diario” non sono semplici fotografie a raccontare l’esperienza del poeta in una settimana di agosto del 2013 a Casoli, non cartoline poetiche di ricordi. Esse sono spezzoni, fotogrammi, frammenti di una proiezione in cui il poeta muove e fa muovere il lettore. Disseminati qua e là, in un ordine che appare più dialettico che analitico e che sarebbe piaciuto a Theodor W. Adorno, i passi che compie il poeta, agens e auctor, sono contemporaneamente tutti proiettati sullo schermo del testo. Anti-aristotelicamente non vi è ordine di tempo e luogo, perché semplicemente vedremo che non vi è più né tempo né luogo, almeno nel modo in cui siamo soliti intenderli.

La quarta

Il poema è stato concepito e scritto in una settimana, nella solitudine di una campagna abbracciata dai monti, in un metato, curioso edificio in pietra, in passato destinato all’essicazione delle castagne e oggi riadattato a casa di villeggiatura. Luogo immerso nel verde di una campagna bruciata dal sole, con i suoi colori ubriacanti, luogo ideale per far viaggiare la mente e nutrirla di spazi incontaminati.

Da poeta cittadino, Fobo ha sempre invidiato i poeti nati in contesti rurali, montani o anche marini, la cui immaginazione poteva sostare in una quiete contemplativa per lui difficile, essendo più avvezzo al rombo delle automobili che al canto degli uccelli o al frinire delle cicale, che a Casoli erano un sottofondo costante (e gradito) ai pensieri. Diario di Casoli è la seconda ricognizione nella realtà della montagna, dopo il poema inedito intitolato Ledro Land Poem, dedicato alle cime del Trentino, quelle racchiuse dalla valle di Ledro.

L’autore

Ettore Fobo è nato a Milano nel 1976. Ha pubblicato due libri di poesia con Kipple Officina Libraria: “La Maya dei notturni“ (2006) e “Sotto una luna in polvere” (2010). Alcune sue poesie sono apparse in diverse antologie, fra cui “SuperNeXT” (Kipple Officina Libraria, 2011). Dal 2008 gestisce un blog di letteratura, “Strani giorni“ (www.ettorefobo.it). È collaboratore della rivista internazionale multilingue Orizont Literar Contemporan e del portale di critica letteraria e dello spettacolo Lankelot.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Ettore Fobo, Diario di Casoli
Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 43 – 0.95€
Formato ePub e Mobi
ISBN 978-88-98953-24-0

Link

Esce The massacre of the Mermaids, la nuova raccolta di Alessandro Manzetti

coverSiamo orgogliosi di presentarvi la raccolta in lingua inglese The massacre of the Mermaids – quarta uscita della collana K_Noir – che vede protagonista Alessandro Manzetti con una selezione di sette racconti, editati da Jodi Renee Lester, appartenenti alla produzione più oscura dell’autore, ormai consacrato nell’Olimpo della letteratura più estrema con la nomination per lo Stoker Award 2014, Elgin Award 2015 e il Rhysling Award 2015. La cover è dell’artista inglese Ben Baldwin.

L’apocalisse disumana di cui si fa cantore Alessandro Manzetti esplora – ed esplode – ogni perversione e paraphilia, mostrandone le definizioni immorali presenti e futuribili, attraverso nuovi sguardi e prospettive sull’agghiacciante abisso della bestialità umana.

La quarta

Può l’umanità sfociare nella perversione più estrema e obbligarci a osservare l’essenza del male? Secondo Alessandro Manzetti non v’è dubbio e c’è da credergli mentre ci accompagna nell’oscura discesa, dove la carne e ogni speranza vengono annientate, attraverso il perpetuo massacro dei suppliziati e dei carnefici che si trasformano, da una stanza all’altra, nel sadico scambio di ruolo vissuto sulle paraphilie più estreme.

L’Autore

Alessandro Manzetti. Autore di narrativa horror, SF, pulp e weird, poesia dark, editor e traduttore. Ha pubblicato, in Italiano e Inglese, col proprio nome e con lo pseudonimo di Caleb Battiago, romanzi, racconti, collection, raccolte di poesie dark, in formato ebook e paperback. Diversi suoi racconti e poesie dark sono stati pubblicati su magazines e antologie in Italia, Stati Uniti e Inghilterra. Ha ricevuto una nomination per il Bram Stoker Awards 2014 per il Rhysling Award 2015 e per l’Elgin Award 2015.

Il suo sito è http://www.alessandromanzetti.net/

La collana K_Noir

k_noir è la collana di Kipple Officina Libraria dedicata alle contaminazioni noir e alle sue mutazioni, ai furori che esplorano i confini della narrativa più esasperatamente umana e, contemporaneamente, più disumana che esista.

Alessandro Manzetti, The massacre of the Mermaids
Copertina di Ben Baldwin
Editing di Jodi Renee Lester
Traduzione di Alessandro Manzetti e Sanda Jelcic

Kipple Officina Libraria – Collana k_noir – Pag. 54 – 1.95 €
Formato ePub e Mobi
ISBN 978-88-98953-23-3

Un brindisi all’editoria indipendente!

Primavera_KippleTempo di festeggiamenti per tutta la redazione di Kipple Officina Libraria che in questi giorni ha raggiunto – permetteteci questo pizzico d’orgoglio – un importante traguardo: 10.000 ebook e 12.562 libri stampati (cifra che comprende, non solo le nostre pubblicazioni di collana, ma anche le riviste Avatar, NeXT, numerosi e vari gadget Kipple e tutte le pubblicazioni amatoriali) dal lontano inizio, eppur così vicino, datato 1995. Vent’anni di avventure sempre sull’onda della sperimentazione e della creatività in ogni senso e direzione.

Tanti numeri e tanti brindisi, come i 2000 ebook venduti in poco meno di un anno a partire da ottobre 2010 – data che segnò il nostro ingresso sul mercato digitale – fino al mese dicembre 2011! Questo piccola, ma grande, stima della nostra produzione comprende tutte le vendite effettuate sulle librerie online come Amazon, IBS, Kobo, SBF e – naturalmente – sul nostro sito www.kipple.it.

Permetteteci quindi di festeggiare questo giorno speciale con un GIVEAWAY di ringraziamento, dedicato a voi che sostenete l’editoria indipendente e continuare a farlo, un giorno dopo l’altro, nonostante i tempi e la crisi, nonostante il tutto. Ecco, a voi dedichiamo questo post, il nostro lavoro e tutte le notti insonni trascorse a progettare nuovi mondi letterari, sperando che queste parole siano di buono auspicio per un futuro ancora tutto da scrivere e vivere insieme.

Grazie a tutti!

Lukha B. Kremo
Sandro Battisti

Luigi Milani
Roberto Bommarito
Alex Tonelli
Ksenja Laginja

Carlo Bordini e la sua Epidemia, per Kipple Officina Libraria

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare Epidemia, di Carlo Bordini, una nuova avventura poetica – in versione digitale – per la collana VersiGuasti, interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica.

cover(1)L’epidemia che Carlo Bordini racconta nella sua poesia “Epidemia” non è solo un pretesto per indagare ancora più a fondo l’umana natura, ma è soprattutto uno schiaffo al lettore, alla sua indifferenza, alla sua presunzione constante d’innocenza e di non-responsabilità. L’epidemia non è più solo un ricordo di epoche passate, pre-scientifiche e pre-mediche, l’epidemia è qui, nel nostro presente, nelle nostre città, viva e furente.

Ringraziamo Luca Sossella Editore per la gentile concessione di questa poesia, scritta nel 2001 da Carlo Bordini, precedentemente inclusa nella silloge poetica “I costruttori di vulcani”.

L’epidemia come una forma di apocalisse

Partendo dai ritagli di giornale che hanno raccontato l’epidemia della mucca pazza del 2001, Carlo Bordini sostituisce alla parola “capo” (inteso come l’animale da macello) la parola “schiavo”. L’effetto è immediatamente disturbante: “Tutti gli schiavi che si trovavano in un raggio di tre chilometri dai siti ove l’infezione è stata riscontrata, saranno inceneriti. La campagna di abbattimento, cui collaborano le forze armate, ha ricevuto il beneplacito della categoria degli allevatori, che ha espresso il suo sostegno per questi provvedimenti, definiti terribili quanto necessari”.

Non sono più bestie quelle che muoiono a migliaia, ma schiavi. E dunque, con scandalo enorme, esseri umani. Sono persone che qui e ora, in questo presente giornalistico, muoiono uccise da un morbo inaudito. Così viene spazzata via l’indifferenza, la non-cura, la lontananza dal dolore; ciò che resta è un’incredula empatia, una destabilizzante condivisione, un’inaccettabile personificazione. Questo è il destino dell’uomo, sembra dirci Carlo Bordini: la fine.

La quarta

L’epidemia è la forza della natura che più di tutte costringe l’essere umano a interrogarsi sul senso e sul valore della vita. Com’è possibile dare un significato all’esistenza, quando intorno le persone muoiono in un numero così grande da non poter essere contate? Quando non si è altro che il dato statistico di una carneficina senza colpevoli, né colpe? Carlo Bordini si è interrogato e interroga il lettore sul senso della vita, sul suo valore e, come in una reale sanguinaria epidemia, la sola risposta possibile a tutte le mormorate domande è quel vago senso di assurdità impotente, d’inutilità manifesta. Del nulla.

L’autore

Carlo Bordini è nato a Roma, dove vive, nel 1938. Ha insegnato storia moderna presso l’università di Roma “La Sapienza” specializzandosi in storia dell’amore. Ha pubblicato diversi libri di poesie con gli editori Barbablu, Empirìa e Scheiwiller.

Tutte le sue poesie fino al 2010 sono state raccolte nel volume: I costruttori di vulcani – Tutte le poesie 1975-2010, Luca Sossella editore. Ha pubblicato in inglese l’e-book di poesie Gestures, e in tedesco l’e-book Gedichte. Due volumi in francese sono stati pubblicati dall’editore Alidades, e altre poesie sono presenti sul sito Dormirajamais di Olivier Favier.

Ha pubblicato, in prosa: Pezzi di ricambio, Empirìa (racconti e frammenti). Manuale di autodistruzione, Fazi. Gustavo – una malattia mentale (romanzo), Avagliano. Ha curato, con altri, Dal fondo, la poesia dei marginali, Savelli, ristampato da Avagliano; e Renault 4 – Scrittori a Roma prima della morte di Moro, Avagliano.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Carlo Bordini, Epidemia
Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 19 – 0.95
€Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-20-2

Link

Esce NeXT-Stream, oltre il confine dei generi

Kipple Officina Libraria consacra il mese dedicato al Connettivismo – il Movimento iniziato nel 2004 da Marco Milani, Sandro Battisti e Giovanni De Matteo – con la pubblicazione della raccolta uppercoverdi racconti, in formato ebook, NeXT-Stream – Oltre il confine dei generi, per la collana Avatar.

Quindici autori si sono misurati con l’epocale sfida di portare il Connettivismo in un’ottica di letteratura non di genere, in grado di affinare la sensibilità connettivista; l’attitudine alla sintesi di esperienze diverse e alla contaminazione, la concezione ambigua e arcana della realtà, spesso affrontata con le armi dell’epica (antica e contemporanea) e della sociopolitica nell’universo della quotidianità, rinnovano i dettami della narrativa cosiddetta mainstream per approdare oltre il confine dei generi stessi. La splendida copertina è realizzata da Luca Cervini.

Sinossi

Dall’introduzione:

L’idea di questa raccolta è di ben tre anni fa: cercare di sdoganare i connettivisti dalla fantascienza, loro nido eletto. Non è stato facile perché i connettivisti sono un movimento, prima che un “tipo di scrittura o un gruppo di tematiche”, come spesso si sente dire e negare contemporaneamente.

Abbiamo cercato di lavorare privilegiando il principio della massima inclusività possibile dei diversi approcci, con il proposito di fornire uno spaccato variegato e attendibile della complessità da cui muovevamo.

Nella selezione potrete quindi imbattervi in una raccolta eterogenea di sensibilità e di punti di vista sulla scrittura non di genere o, per meglio dire, oltre i generi: contaminazioni di poliziesco e fantascienza che gli appassionati di entrambi i generi potrebbero con qualche fatica incastrare sotto una definizione univoca: scorci del futuro narrati secondo una prospettiva iperrealista; incursioni nel surreale e nel metafisico; soluzioni riconducibili alla literary fiction. E spesso potrete trovare diversi di questi approcci all’interno dello stesso racconto, proprio come se, parafrasando una precedente pubblicazione che ci è particolarmente cara, ogni racconto non fosse altro che il frammento di una rosa olografica.

L’intento non è stato di proporre una nuova antologia dei connettivisti, bensì percorrere una strada nuova provando a definire il Movimento quasi snaturandolo, trascinandolo lontano dalla sua culla naturale, la fantascienza, e chiamandolo a fare i conti con forme letterarie diverse declinato secondo i codici della distopia o dello straniamento culturale, a seconda del racconto.

Quello che in un’ultima analisi ci interessava, era proporre un bel libro di narrativa contemporanea, al passo con i tempi che corrono.

Gli autori

Quindici autori hanno interpretato il tema di NeXT-Stream: Umberto Pace, Lukha B. Kremo, Filippo Carignani Battaglia, Marco Milani, Domenico Mastrapasqua, Sandro Battisti, Fernando Fazzari, Roberto Furlani, Mario Gazzola, Roberto Bommarito, Francesco Verso, Giovanni Agnoloni, Denise Bresci, Ugo Polli, Giovanni De Matteo.

Molti sono nomi noti all’interno del Connettivismo mentre altri sono affiliati al Movimento, ma tutti hanno sviluppato la sensibilità di quest’antologia in modo differente dai soliti lavori connettivisti, ragionando e percependo l’argomento con l’ottica della sperimentazione del quotidiano.

La collana

Avatar è la collana di Kipple Officina Libraria dedicata ai romanzi e grandi capolavori prettamente italiani del Fantastico e della SF, opere contraddistinte dalla cura meticolosa dei testi e dalle ampie visioni autoriali. Il logo della collana sintetizza perfettamente il circolo del tempo, delle conoscenze, degli eventi nascosti; l’iperbole del Fantastico per spiccare il volo nella fantasia più sfrenata e meravigliosa.

AA.VV. | NeXT-Stream – Oltre il confine dei generi

Copertina di Luca Cervini
Introduzione e curatela di Lukha B. Kremo, Giovanni De Matteo, Sandro Battisti

Kipple Officina Libraria
Collana Avatar — Formato ePub e Mobi — Pag. 176 – € 1.95 — ISBN 978-88-98953-17-2

Link