Archivio dell'autore: Roberto Bommarito

Castle Rock: il primo teaser della nuova serie Tv targata Stephen King e J.J. Abrams

castlerock

Dopo il successo di 11.22.63, prima mini-serie Tv Hulu che ha visto Stephen King e J.J. Abrams collaborare insieme, arriva ora un nuovo progetto ideato dai due: Castle Rock. A riguardo si sa ancora molto poco, ma a giudicare dal primo teaser trailer che vi mostriamo in coda all’articolo, lo show si concentrerà sui best-sellers del Re dell’horror. Vi terremo aggiornati man mano che arriveranno nuove notizie. Intanto buona visione!

Call of Cthulhu: The Official Game, il videogioco PS4 ispirato all’universo di HP Lovecraft

cthulhu

Call of Cthulhu: The Official Game, videogioco ispirato all’universo creato dall’autore horror H.P. Lovecraft, sarà presto disponibile per la Playstation 4. Il gioco, sviluppato da Cyanide Studio, segue le vicende di un investigatore, Edward Pierce, che proverà a risolvere un omicidio inspiegabile. Saranno proprio le sue investigazioni a fargli conoscere un universo terrificante. Non si conosce molto altro, per quanto riguarda la trama. Il gioco dovrebbe però essere rilasciato entro la fine del 2017. Segue il trailer.

 

Robert J. Sawyer vince l’edizione 2017 del Robert A. Heinlein Award

sawyer

Robert J. Sawyer, autore canadese di fantascienza, si aggiudica l’edizione 2017 del Robert A. Heinlein Award. Noto specialmente per la Trilogia dei Neanderthal (Neanderthal Parallax) e la Trilogia del Web (WWW), Sawyer nel corso della sua lunga carriera ha anche raccolto altri prestigiosi premi fra cui il Premio Aurora, il Premio Hugo e il Premio Nebula. Il suo ultimo romanzo Quantum Night, affronta l’intrigato argomento della natura della coscienza umana.

Chuck Palahniuk chiede l’aiuto dei fan per realizzare il film di Ninna nanna

chuckpalahniuk

Chuck Palahniuk, uno degli autori più controversi del panorama della letteratura contemporanea, vorrebbe realizzare una terza pellicola tratta da uno dei suoi romanzi. Stiamo parlando nello specifico di Ninna nanna, che insieme a Fight Club e Soffocare, è considerato uno dei migliori romanzi dell’autore americano. Per farlo, Palahniuk ha avviato una campagna di raccolta fondi su Kickstarter. Palahniuk si è prefissato infatti di raggiungere la cifra di $ 250,000, una cifra alquanto modesta per la realizzazione di un film (cifra fra l’altro già ampiamente superata). Per visitare la pagina Kickstarter basta cliccare qui.

 

The Reaping: la serie TV indie italiana di Roberto D’Antona distribuita in tutto il mondo

cover_facebook_the_reaping_taxi_drivers

Di recente abbiamo avuto il piacere di intervistare l’attore e regista Roberto D’Antona e l’autore e attore Mirko Giacchetti, un’interessantissima intervista che potete trovare qui in cui abbiamo parlato della nuova serie Tv, The Reaping. A riguardo arrivano ora delle stupende notizie. Tratto dal comunicato stampa:

The Reaping, la nuova serie TV creata dal pluripremiato attore/regista Roberto D’Antona e prodotta da Annamaria Lorusso e dallo stesso D’Antona, che ha già ottenuto quattro premi di eccellenza negli Stati Uniti, sarà distribuita in tutto il mondo in DVD, Blu Ray e Video On Demand dalla Indie Rights Inc che ne ha acquisito la licenza anche per una possibile distribuzione su Netflix USA.

Inoltre la serie Tv ha destato l’attenzione di diversi personaggi di rilievo nel mondo dello spettacolo, sia all’interno che all’esterno dei confini italiani. Fra questi Giovanni Muciaccia, che ha realizzato un video per augurare buona fortuna a tutto il team.  The Reaping sta ottenendo dei risultati a dir poco eccezionali per una serie TV indie prodotta in Italia e noi tutti di Kipple non possiamo far a meno che augurare un grandissimo in bocca al lupo a Roberto D’Antona e tutta la squadra!

Trial: il pluripremiato e innovativo corto Sci-Fi che ha conquistato il web

 

trial

Creato da The Brothers Lynch, il cortometraggio Trial ha riscosso notevole successo non solo per la qualità della produzione, ma anche per un’inquadratura del tutto innovativa. La storia affronta il tema dello transfer della personalità da un corpo all’altro, solo che in questo caso non tutto è ciò che sembra. Sotto troverete due filmati. Il primo è per l’appunto il corto, mentre il secondo spiega com’è stata ottenuta la scena tanto innovativa dello specchio. Buona visione!

Il castello: lo stupendo racconto breve di Italo Calvino

italo-calvino

Vi presentiamo Il castello, racconto scritto da uno dei più importanti autori italiani del secolo trascorso: Italo Calvino. Chi volesse leggere anche un altro suo famoso racconto, Il contadino astrologo, può farlo cliccando qui. Buona lettura!

Il castello di Italo Calvino

In mezzo a un fitto bosco, un castello dava rifugio a quanti la notte aveva sorpreso in viaggio: cavalieri e dame, cortei reali e semplici viandanti.
Passai per un ponte levatoio sconnesso, smontai di sella in una corte buia, stallieri silenziosi presero in consegna il mio cavallo. Ero senza fiato; le gambe mi reggevano appena: da quando ero entrato nel bosco tali erano state le prove che mi erano occorse, gli incontri, le apparizioni, i duelli, che non riuscivo a ridare un rodine né ai movimenti né ai pensieri.
Salii una scalinata; mi trovai in una sala alta e spaziosa: molte persone – certamente anch’essi ospiti di passaggio, che m’avevano preceduto per le vie della foresta – sedevano a cena attorno a un desco illuminato da candelieri.
Provai, al guardarmi intorno, una sensazione strana, o meglio: erano due sensazioni distinte, che si confondevano nella mia mente un po’ fluttuante per la stanchezza e turbata. Mi pareva di trovarmi in una ricca corte, quale non ci si poteva attendere in un castello così rustico e fuori mano; e ciò non solo per gli arredi preziosi e i ceselli del vasellame, ma per la calma e l’agio che regnava tra i commensali, tutti belli di persona e vestiti con agghindata eleganza. E nello stesso tempo avvertivo un senso di casualità e di disordine, se non addirittura di licenza, come se non d’una magione signorile si trattasse, ma d’una locanda di passo, dove persone tra loro sconosciute, di diversa condizione e paese, si trovano a convivere per una notte e nella cui promiscuità forzata ognuno sente allentarsi le regole a cui s’attiene nel proprio ambiente, e – come si rassegna a modi di vita meno confortevoli – così pure indulge a costumanze più libere e diverse. Di fatto, le due impressioni contrastanti potevano ben riferirsi a un unico oggetto: sia che il castello, da molti anni visitato solo come luogo di tappa, si fosse a poco a poco degradato a locanda, e i castellani si fossero visti regalare al rango d’oste e di ostessa, pur sempre reiterando i gesti della loro ospitalità gentilizia; sia che una taverna, come spesso se ne vedono nei pressi dei castelli per dar da bere a soldati e cavallanti, avesse invaso – essendo il castello da tempo abbandonato – le antiche sale signorili per installarvi le sue panche e i suoi barili, e il fasto di quegli ambienti – e insieme il va e vieni d’illustri avventori – le avesse conferito un’imprevista dignità, tale da riempire di grilli la testa dell’oste e dell’ostessa, che avevano finito per credersi i sovrani d’una corte sfarzosa.
Questi pensieri, a dire il vero, non m’occuparono che per un istante; più forte era il sollievo a ritrovarmi sano e salvo in mezzo a un’eletta compagnia, e l’impazienza d’intrecciare conversazione (a un cenno d’invito di colui che sembrava il castellano – o l’oste – m’ero seduto all’unico posto rimasto libero) e scambiare con i compagni di viaggio i resoconti delle avventure trascorse. Ma a questa mensa, a differenza di ciò che sempre avviene nelle locande, e pure nelle corti, nessuno profferiva parola. Quando uno degli ospiti voleva chiedere al vicino che gli passasse il sale o lo zenzero, lo faceva con un gesto, e ugualmente con gesti si rivolgeva ai servi perché gli trinciassero una fetta del timballo di fagiano o gli versassero mezza pinta di vino. Deciso a rompere quel che credevo un torpore delle lingue dopo le fatiche del viaggio, feci per sbottare in un’esclamazione clamorosa come: «Buon pro! » «Alla buon’ora! » «Qual buon vento! »: ma dalla mia bocca non uscì alcun suono. Il tambureggiare dei cucchiai e l’acciottolìo di coppe e stoviglie bastavano a convincermi che non ero diventato sordo: non mi restava che supporre d’essere muto. Me lo confermarono i commensali, muovendo anch’essi le labbra in silenzio con aria graziosamente rassegnata: era chiaro che la traversata del bosco era costata a ciascuno di noi la perdita della favella.
Terminata la cena in un mutismo che i rumori della masticazione e gli schiocchi nel sorbire il vino non rendevano più affabile, restammo seduti a guardarci in viso, con l’assillo di non poterci scambiare le molte esperienze che ognuno di noi aveva da comunicare. A quel punto, sulla tavola appena sparecchiata, colui che pareva essere il castellano posò un mazzo di carte da gioco. Erano tarocchi più grandi di quelli con cui si gioca in partita o con cui le zingare predicono l’avvenire, e vi si potevano riconoscere a un dipresso le medesime figure, dipinte con gli smalti delle più preziose miniature. Re regine cavalieri e fanti erano giovani vestiti con sfarzo come per una festa principesca; i ventidue Arcani Maggiori parevano arazzi d’un teatro di corte; e coppe denari spade bastoni splendevano come imprese araldiche ornate da cartigli e fregi.
Prendemmo a spargere le carte sul tavolo, scoperte, come per imparare a riconoscerle, e dare loro il giusto valore nei giochi, o il vero significato nella lettura del destino. Eppure non sembrava che alcuno di noi avesse voglia d’iniziare una partita, e tanto meno di mettersi a interrogare l’avvenire, dato che d’ogni avvenire sembravamo svuotati, sospesi in un viaggio né terminato né da terminare. Era qualcos’altro che vedevamo in quei tarocchi, qualcosa che non ci lasciava più staccare gli occhi dalle tessere dorate di quel mosaico.
Uno dei commensali tirò a sé le carte sparse, lasciando sgombra una larga parte del tavolo; ma non le radunò in mazzo né le mescolò; prese una carta e la posò davanti a sé. Tutti notammo la somiglianza tra il suo viso e quello della figura, e ci parve di capire che con quella carta egli voleva dire «io» e che s’accingeva a raccontare la sua storia.