Le nuove frontiere del fumetto: Kipple intervista gli ideatori di VIOLEnT HILL

Benvenuti sul blog di Kipple Officina Libraria. Già in passato ci siamo occupati di fumetti con il gruppo artistico Electric Sheep Comics. Oggi parleremo però di un altro progetto, VIOLEnT HILL, ospitato dalla piattaforma Verticalismi.it. 

Cos’è Verticalismi.it?

Mirko Oliveri: è un portale dove è possibile leggere ogni giorno un fumetto inedito gratuitamente. I fumetti ospiti del sito hanno un formato particolare, pensato ad hoc per la lettura da computer, tablet e smart-phone. I fumetti vengono realizzati gratuitamente da autori professionisti e talentuosi debuttanti. Senza alcun limite di genere, parola d’ordine: fumetti di qualità.

Come nasce il progetto VIOLEnT HILL?

Paul Izzo: la prima volta ne parlai con Mirko di Verticalismi, circa tre anni fa, avevo voglia di creare un “posto univoco” dove creare storie tra di esse collegate, ne parlammo a lungo, e alla fine ripresi in mano alcuni concetti chiave della idea iniziale e li rielaborai per presentarla in maniera efficace a quelli che poi sarebbero stati i nostri compagni di avventura, concependo la saga come se fosse un serial televisivo nel quale lavorano diversi team artistici, decidendo quindi di dividere la storia in tre archi narrativi.

I soggetti delle due stagioni sono stati scritti da me, poi i diversi autori hanno avuto carta bianca nel rappresentare gli elementi e gli snodi senza vincoli troppo stretti, questa è stata la nostra idea di fumetto “social”. Quindi pur avendo il “copyright” sui personaggi principali e sul setting creato, decisi di intendere la saga come lo “spazio” in cui collaborare con gli altri autori. In effetti Viole(n)t Hill è la summa degli incontri artistici che hanno preceduto, e in alcuni casi seguito, la pubblicazione della serie.

Di cosa parla la storia?

Paul Izzo: bella domanda! In effetti non è facile spiegarlo senza anticipare nulla di quella che sarà la terza e conclusiva (?) stagione. Posso dirti comunque, sintetizzando e semplificando, che è una storia corale di peccato e redenzione, il leit motiv della serie è infatti “le colpe dei padri, ricadono sui figli… sempre”. Ci sono diverse sotto-trame che si intersecano con quella principale, il tutto in un ambiente torbido e malsano che ricorda la provincia americana di Lynch. Abbiamo poi pigiato l’acceleratore sugli aspetti più scabrosi regalataci dalle cronache e mescolato tutto in chiave noir-horror, senza preoccuparci di falsi moralismi. La storia infatti è rigorosamente per un pubblico adulto.

Come sono stati selezionati artisti e sceneggiatori?

Zio-P: non è stata una vera e propria selezione nel senso proprio del termine. Alcuni Verticalisti hanno formato questo collettivo, che sia nella prima che nella seconda stagione si è via via ampliato ad altri amici fumettisti, alcuni molto famosi, che hanno dato la propria disponibilità a partecipare. Partecipazione che, ricordiamo, è stata del tutto gratuita, così come lo è la fruizione del fumetto per i lettori.

Quali sono state le difficoltà maggiori riscontrate durante la realizzazione del progetto?

Zio-P: fare un fumetto (ma più in generale una qualsiasi opera) in cui ci sono tante teste a decidere non è facile. Se poi il tutto nasce e cresce su internet con poche possibilità di vedersi veramente è ancora più difficile. Quindi ci sono stati anche momenti di confronto, anche prolungati, su quale strada fosse la migliore da percorrere. Crediamo però che questo vada visto nell’ottica di voler dare, ognuno con il suo punto di vista, il prodotto migliore per il lettore. Non sappiamo se ci siamo riusciti, ma sicuramente ci abbiamo messo tutto l’impegno possibile cercando di curare ogni minimo dettaglio.

Come vedete la situazione del fumetto (e del webcomic) in Italia e quale credere sia il suo futuro?

Mirko Oliveri: In Italia e nel resto del Mondo si sta registrando un crescente interesse per il fumetto. In futuro l’industria del fumetto cambierà molto, tutte le produzioni saranno esclusivamente digitali, i cartonati diventeranno costosi volumi con action figures in allegato che raccoglieranno la versione cartacea dei fumetti digitali più venduti.
Vi andrebbe di segnalarci dei link per chi volesse seguire sia l’evoluzione di VIOLEnT HILL che di altri possibili progetti del team artistico?

Zio-P: Il must che non dovete perdere è ovviamente il sito verticalismi.it e in particolare http://www.verticalismi.it/lenews/violent-hill-index/dove potete trovare tutti gli episodi finora usciti.
Se siete più “social” potete venirci a trovare anche su https://www.facebook.com/webviolenthilldove interagiamo volentieri con lettori e amici.
Per quanto riguarda gli autori siamo troppi per annoiarvi con tutti i link ma con una semplice ricerca web trovate facilmente sia nostri blog/siti/profili che le altre storie realizzate per il sito.



Vi ringrazio mille per la disponibilità e vi auguro in bocca al lupo!

Zio Poli: Grazie a voi.

Segue la videoclip:


Intervista a cura di Roberto Bommarito.

Le altre interviste di Kipple:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...